3
Il nuovo Genoa ripartirà da Mattia Perin. E forse anche da Antonio Sanabria. A rivelarlo è il ds dei rossoblù Daniele Faggiano che oltre a riaccogliere il portiere laziale svela di essere al lavoro anche per riportare al Grifone l'attaccante paraguaiano rientrato al Betis dopo i 18 mesi di prestito: "Perin ha voluto fortemente tornare - ha dichiarato il dirigente al Secolo XIX - e poi mi ha detto: 'Direttore, facciamo una squadra forte'. Mi piace quest’ambizione, è lo spirito giusto. Anche lui negli ultimi mesi non ha brillato, può fare di più. Ma lo spirito è quello giusto".

Ma come detto quello di Perin potrebbe non essere l'unico rientro: "Ho parlato con Sanabria - ha proseguito Faggiano - mi ha detto che in A accetterebbe solo il Genoa. Ci stiamo lavorando, conto di farcela”.

Il neo-direttore ha poi spiegato perchè fino ad oggi il mercato rossoblù sia andato a rilento: "Non dobbiamo avere fretta né stravolgere la squadra. Ma conto di dare a Maran il 70-80% della squadra in tempo per la prima di campionato. Il mio obiettivo è quello di riuscire a coadiuvarmi con chi già c’era per ripartire con ambizione. Negli occhi dei giocatori che hanno vissuto le ultime stagioni ho visto un po’ di sfiducia: ecco, io voglio riuscire a riportare la fiducia che manca, perché qui c’è tutto per fare meglio di quanto si è visto negli ultimi anni".
Il direttore ha parlato anche del possibile addio di due senatori come Criscito e Schone, reduci da un anno con molte ombre, lasciando intendere che potrebbero anche salutare Genova: "Sono professionisti seri e giocatori di valore, bisogna valutare spirito e motivazioni. Li osserverò e parlerò con loro”.

Faggiano, infine, si è lasciato sfuggire anche un'indicazione relativa al modulo da cui ripartirà Maran: "Sarà il 3-5-2, con la variante del trequartista".