Al lungo elenco di ex genoani che in questi giorni stanno cercando di chiamare a rapporto il popolo rossoblù in vista della sfida-salvezza di sabato con il Cagliari si aggiunge anche Silvano Martina.

L'indimenticato portiere degli anni '80 ha spiegato al sito ufficiale del Grifone quale armi serviranno a Criscito e compagni per raggiungere l'obiettivo: “Al di là di speranze, propositi o previsioni sono convinto che il Genoa abbia dei ragazzi in gamba e di valore. Prima la salvezza, poi si riparte. Testa e cuore. Pensare al campo, evitare distrazioni, allenarsi al massimo, avere fiducia. Le coordinate sono queste. Nell’interesse generale è meglio mettere da parte le polemiche. Mi fa piacere sapere che il popolo genoano si stia stringendo alla squadra per la partita di sabato”.

Martina ha poi raccontato l'esperienza di quando a giocarsi una salvezza all'ultimo respiro c'era lui: “C’ero nel 1982 al San Paolo quando Faccenda segnò la rete del 2-2 che voleva dire salvezza. All’aeroporto 20mila tifosi si radunarono al ritorno. Avevo la sensazione che il pullman non toccasse per terra con le ruote. Volava sopra la strada. Questi sono i tifosi del Genoa".