3
Tra le molte mosse di mercato che in queste settimane stanno occupando i pensieri della dirigenza del Genoa c'è anche l'esigenza di sistemare alcuni casi spinosi.

Come quello di Hernani, ad esempio. Il 28enne brasiliano è arrivato in rossoblù la scorsa estate in prestito dal Parma. La formula dell'ingaggio prevedeva però l'obbligo di riscatto da parte del Grifone, senza l'aggiunta di alcun obiettivo da raggiungere, né a livello individuale, né di squadra. Ergo, a partire dal prossimo 1 luglio Hernani sarà a tutti gli effetti un tesserato del club ligure. 
Eppure la sua permanenza all'ombra della Lanterna è tutt'altro che scontata. Il rendimento avuto dal centrocampista mineiros è stato uno dei più deludenti della pessima stagione rossoblù e neppure la cura Blessin ha saputo rigenerare un giocatore arrivato a Genova con tante aspettative. Motivi che starebbero spingendo il tecnico tedesco ad inserire il nome di Hernani nell'elenco di coloro di cui si potrà fare a meno. 

Liberarsi del brasiliano, tuttavia, non sarà così semplice. Difficilmente il Genoa, qualora decidesse di cederlo a titolo definitivo troverà qualcuno disposto a dargli una cifra pari o superiore ai 5,5 milioni che i rossoblù dovranno versare nelle casse del Parma per riscattarne il cartellino. La soluzione più rapida appare dunque quella del prestito. Ma in questo caso bisognerà fare i conti con le nuove e stringenti norme della FIFA che a partire dalla prossima finestra di mercato limiteranno i giocatori che ogni club può trasferire temporaneamente a non più di otto elementi.