Commenta per primo
Comincerà subito dopo la fine degli Europei la nuova stagione del Genoa.
Il club rossoblù ha infatti presentato questa mattina sede e date della prima parte del ritiro estivo, che dopo l’anno sabbatico dovuto alla pandemia di Covid-19 tornerà a disputarsi nella località austriaca di Neustift.
 
Una presenza, quella rossoblù in Val Stubai, che si rinnoverà per la 15^ volta negli ultimi sedici anni: “Sono molto lieto di annunciare che il ritiro partirà il 12 luglio e durerà fino al 24 - ha spiegato il direttore generale del Grifone Flavio Ricciardella - Neustift è un location che da sempre ci sa dare la giusta serenità per partire con il piede giusto e gettare le basi per la stagione che verrà. E siamo contenti di poter tornare qui”.

Ad organizzare ogni aspetto del ritiro ci penserà ancora una volta Gebhard Schoepf “Oggi è un momento molto emozionante - ha ammesso il responsabile del ritiro rossoblù - perchè ci ritroviamo con tanti amici dopo un anno di lontananza forzata. Seppur distanti abbiamo comunque seguito la squadra nel suo ultimo campionato e voglio complimentarmi per il bel campionato disputato. Siamo felici anche che mister Ballardini possa continuare a lavorare con il Genoa”.

Schoepf ha poi spiegato quale trattamento speciale verrà riservato ai sostenitori del Grifone che sceglieranno di seguire la squadra nel fresco delle Alpi: "Assieme ad un partner locale abbiamo definito un pacchetto speciale per i tifosi con prezzi uguali a quelli di due anni fa. Per trascorrere qui una settimana nel periodo di ritiro del Genoa, usufruendo di tutte le attrazioni della valle, potranno bastare 280 euro".
Questo ovviamente è il pacchetto base, incrementabile o migliorabili a seconda dei gusti e delle esigenze di ciascuno: "Voglio ricordare che il nostro territorio offre tante opportunità ai visitatori - ha proseguito Schoepf - abbiamo quattro cabinovie, il ghiacchiao dello Stubai, una serie di piscine coperte e scoperte, la base di lancio dei parapendii, la vicinanza con la capitale del Tirolo Innsbruck”.

Anche in tempi di coronavirus giungere oltre confine non sarà un problema: "Abbiamo fatto un viaggio per provare a vedere quanto sia facile arrivare in Austria da Genova attraverso il Brennero e non abbiamo incontrato nessuna difficoltà. Siamo arrivati in un momento di ritrovata normalità e questo ci spinge ad invitare i tifosi a fare il nostro steso tragitto. Anche perché non ci saranno problemi a causa del Covid. L’Austria, assieme all’Italia, è uno dei paesi che hanno voluto il Greenpass per restituire alla gente la libertà di viaggiare. Per arrivare da noi basterà dimostrare di aver ricevuto la prima dose di vaccinazione e averla fatta da almeno tre settimane".

Nel corso del ritiro il Genoa disputerà anche alcune gare amichevoli con avversari e modalità da definire, anche in base all’evolversi della situazione pandemica.