1

Francesco Galuppini, classe '93, è tra i massimi protagonisti della stagione del Lumezzane: la rete siglata ieri nel sentitissimo derby lo ha portato definitivamente alla ribalta nell'ambiente bresciano.
Nato proprio nel capoluogo di provincia, l'attaccante cresce calcisticamente proprio nel Lumezzane che lo cede in prestito con diritto di riscatto alla Sampdoria, dove Galuppini resta solo una stagione: 11 le partite, 2 le reti con la primavera genovese.

Nella stagione 2011/12 il ragazzo viene notato dal Chievo: qui però non riesce ad esprime tutto il suo potenziale. Pochissimo spazio (appena 1 presenza) e ritorno immediato al mittente. Il destino voleva che il primo contratto da professionista Galuppini, lo firmasse con la squadra dove era cresciuto calcisticamente: il Lumezzane. Quest'estate finalmente arriva l'ufficialità della sua entrata nel mondo dei grandi: tre anni di contratto e un sospiro di sollievo.
"E' un primo sogno che si realizza - aveva commentato a valtrompianews - e adesso spero di meritarmi la fiducia di una società che mi ha cresciuto e che ha continuato a credere in me anche quando sembrava che non potessi arrivare e dovessi abbandonare l'idea di fare del calcio la mia professione".

La storia di Galuppini (foto valtrompianewsaveva segnato numerose tappe sfortunate: la rinuncia del riscatto da parte della Samp, reduce dall'anno orribile della retrocessione in Serie B; poi il Chievo dove la stessa punta ammette però di essersi giocato male le sue carte.
In Valgobbia Galuppini esplode definitivamente con la Beretti rossoblu del Lumezzane:  1 anno e mezzo dove segna ben 27 gol e viene numerose volte convocato in prima squadra (5 le presenze a fine stagione). La prima da titolare arriva in Coppa Italia contro l'Albinoleffe e Galuppini subito si fa notare con ciò che ama fare di più: il gol.

Il resto è storia recente: quest'anno mister Marcolini non può più rinunciare a lui tanto che lo schiera titolare in ben 13 occasioni su 18.
Galuppini non delude: 4 gol, ultimo quello decisivo del derby. Con un sogno nel cassetto: la Serie A così da potersi prendere una rivincita verso chi non ha creduto davvero in lui.