57
Il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini si è concesso in un'intervista a Sky nel post-partita della sfida pareggiata col Venezia e che è costata la retrocessione ai sardi in Serie B.

COMPLIMENTI ALLA SALERNITANA - “La cosa più giusta è fare i complimenti alla salernitana. Il presidente Iervolino l’ha rilevato in condizioni difficilissime e, grazie al lavoro di Sabatini e Nicola, hanno fatto un filotto importante".

STRATEGIE SBAGLIATE - "Questa retrocessione viene da lontano. Dopo la cessione di Barella abbiamo provato a fare un salto in avanti prendendo tanti giocatori importanti. Abbiamo alzato il monte ingaggi e questa strategia non ha pagato, portandoci a distanza di tre anni a questa amarissima retrocessione".

SCUSE - "Mi scuso con chi lavora per questo club e con tutti i tifosi che sono venuti qui a Venezia. Abbiamo anche preso due importanti allenatori come Di Francesco e Mazzarri, ma non è servito”.

CESSIONE SOCIETA' - “Ho vissuto momenti duri in passato, quando è mancato mio padre e ho dovuto rilevare l’azienda e quando il Cagliari è retrocesso dopo il mio primo anno. Gli shock mi hanno insegnato che dalle cose brutte si riparte sempre e anche questa volta si ripartirà. Le indiscrezioni, al di là di essere false, arrivano all’inizio della settimana più importante per noi. Sembrava che smobilitassimo e credo che in molti non ci abbiamo voluto bene, ma i ragazzi non si sono fatti influenzare. Ripartiremo da un’altra categoria a testa alta”.