19
Il calcio e il sesso sono due argomenti che confluendo hanno spesso regalato simpatici aneddoti. Negli anni sono stati molti gli allenatori convinti del fatto che un’esagerata attività tra le lenzuola potesse influire sulle prestazioni in campo e ieri anche Antonio Conte, intervistato dall’Equipe, ha spiegato: «In periodo di competizioni il rapporto non deve durare a lungo, bisogna fare il minor sforzo possibile, quindi è meglio rimanere sotto la partner». Apriti cielo, sui social gli utenti più illuminati si sono scatenati con meme esilaranti, qualche altro si è indignato, ma la storia del calcio è piena di avvenimenti simili.

GULLIT A BERLUSCONI - Basti tornare all’indimenticabile dichiarazione di Arrigo Sacchi, che nel descrivere le incredibili doti di Ruud Gullit spiegò come l’olandese sapesse farsi rispettare anche dal punto di vista temperamentale: “Mancava un mese alla finale di Champions e Berlusconi chiese ai calciatori di astenersi dal sesso, l’unico a rispondere fu Gullit che disse: «presidente, io non riesco a correre con le p… piene».
MISTER, MA COME FACCIO? - Un altro fantastico aneddoto ce l’ha raccontato Renzo Ulivieri, che ieri stesso abbiamo contattato per chiedergli se a lui fosse mai capitato qualcosa di simile in carriera: “Altroché… Allenavo l’Empoli, dovevamo salvarci e avevamo perso la penultima partita. Dovevo fare qualcosa e allora mentre eravamo ancora sull’autobus chiesi alla squadra di giurarmi massimo impegno in quella settimana, con astensione al sesso. Arrivammo a destinazione e i calciatori, per scendere, mi passavano davanti uno a uno giurandomi che non avrebbero fatto sesso, finché a un certo punto arriva il più giovane del gruppo e mi dice che non se la sente di farmi quella promessa. Mi arrabbiai ma prima che le cose potessero degenerare spiegò subito: «Mister, io sono vergine, se mi capita l’occasione in settimana come faccio a dire di no?». Risate generali, Ulivieri incluso. L’Empoli si salvò.

L'ACCORGIMENTO - A tal proposito si era espresso anche Guardiola: “È impossibile giocare bene a calcio senza fare sesso con le proprie compagne. Impossibile. Anzi, più fanno sesso meglio è”. Insomma, ognuno ha il proprio punto di vista, gli allenatori si dividono tra favorevoli e contrari. Ieri Gasperini ha evitato consigli sul sesso: “Sono i calciatori che ne danno a me”, mentre Gattusso nel corso dell’esperienza al Milan parlando di Cutrone disse: “Deve lavorare e riposare, poi spero trovi anche una ragazza, così lavora, riposa e fa l’amore”. Per Conte può anche andare bene, ma con l’accorgimento: prima delle partite state sotto.