11
Gabriele Gravina, presidente della Figc, ha rilasciato diverse dichiarazioni a margine dell'ultimo consiglio federale, ritornando anche sulla vittoria dell'Europeo degli azzurri: “La vittoria dell’Europeo dà un grande impulso alla ripartenza sociale ed economica dell’Italia, dà fiducia al Paese e questo è per noi motivo di orgoglio” e sulla polemica del bus scoperto ha aggiunto: “È stata già data la nostra versione degli eventi su un comunicato. Io non posso pensare che la vittoria dell'Italia all'Europeo possa generare tensioni”. Gravina ha anche parlato della possibilità futura di ospitare un'intera manifestazione: “Valuteremo una candidatura dell’Italia all’Europeo del 2028 o al Mondiale del 2030, in cui si festeggia il centenario del campionato del mondo. Giochiamo la prima partita, poi penseremo all’altra”.

STADI E CLUB NON AMMESSI - Punto importante anche quello sugli stadi: “Riapertura degli stadi? Abbiamo formalizzato la richiesta alla sottosegretaria Vezzali. Siamo in attesa che la procedura venga definita anche secondo le indicazioni del Cts. Vogliamo arrivare a utilizzare il green pass in modo rapido e renderlo efficace anche nei nostri stadi”. Inoltre, Gravina ha anche parlato della situazione dei club non ammessi ai prossimi campionati: “I ricorsi non sono stati accolti e oggi sei club non hanno conseguito la licenza nazionale. Hanno due giorni per fare appello e c'è ancora una partita aperta per quanto riguarda eventuali valutazioni da parte del Collegio di Garanzia. Sono segnali allarmanti che richiamano comunque un intervento”.