Commenta per primo
Nato a Linz, in Austria, come l'ex interista Mateo Kovacic e come tanti connazionali rifugiatisi da quelle parti anche per effetto delle conseguenze del drammatico conflitto di inizio anni '90 nella ex Jugoslavia, Luka Sucic è uno degli elementi più interessanti della formazione Under 19 del Salisburgo che sta ben figurando nel suo girone di Uefa Youth League. Quello con Liverpool e Napoli, strapazzato tra andata e e ritorno con un complessivo 12-3 grazie anche a due dei 3 centri totali in 5 partite del centrocampista classe 2002.




COME MILINKOVIC - Giocatore dalla stazza fisica importante, abbinata a una qualità tecnica di tutto rispetto e un ottimo senso dell'inserimento, il croato può agire anche da trequartista e da finto centravanti a a seconda delle circostanze. Calciatore completo, formato calcisticamente in uno dei fiori all'occhiello del colosso Red Bull, si divide con la formazione satellite del Liefering, con cui viaggia alla media di una rete a partita nel campionato Under 18, 6 su 6. Per qualità tecniche e atletiche viene accostato al laziale Milinkovic-Savic. Il Salisburgo ne ha intuito l'enorme potenziale e gli ha fatto firmare la scorsa estate il primo contratto da professionista fino a giugno 2022. Diversi scout da mezza Europa hanno già preso nota del suo nome, ci sono anche Juventus e Milan sulle sue tracce.