208
Achraf Hakimi festeggia lo scudetto dell'Inter e la fine del Ramadan. Il nazionale marocchino, 22 anni ex Borussia Dortmund e Real Madrid, ha dichiarato in un'intervista a SportWeek, il settimanale della Gazzetta dello Sport in edicola sabato: "Possiamo aprire un ciclo in Italia e in Europa con Antonio Conte". 

L'allenatore nerazzurro, secondo il Corriere della Sera, era assente lunedì quando Steven Zhang ha chiesto ai calciatori nerazzurri di rinunciare a due mensilità di stipendio (faceva la cyclette con Oriali). Sul tema non c'è più certezza sui colloqui individuali: siccome la richiesta del presidente cinese è un invito e non un diktat, sarà curioso vedere quanti elementi dello spogliatoio risponderanno alla chiamata... 

Prima di sciogliere i dubbi sul proprio futuro, Conte pretende di conoscere nei dettagli il progetto della società. Il silenzio dietro cui si è trincerato ieri, annullando la conferenza stampa e concedendosi solo alla tv di famiglia, è una spia evidente dell'imbarazzo che lo ha colto nelle ultime ore. Le permanenza del tecnico e di Beppe Marotta sono tutt'altro che scontate: entrambi sono convinti che austerity e vittorie non siano conciliabili. 

A complicare il quadro ci sono poi le intenzioni dei fedelissimi dell'allenatore: campioni come Lukaku e Barella hanno abbracciato il progetto interista di Conte, non di Zhang. In caso di addio prematuro del tecnico, ci sarebbe il rischio di una fuga?