172
La delicata situazione societaria ha congelato il mercato dell'Inter a gennaio e lascia un alone di incertezza anche in vista della prossima estate, ma non intacca la consapevolezza delle necessità per rafforzare ulteriormente la rosa: e tra queste, c'è trovare un nuovo padrone per la fascia sinistra. L'intenzione è di continuare il restyling sugli esterni, dove di fatto i nerazzurri possono contare solo su due certezze (e mezza) per la prossima stagione: Achraf Hakimi, forte di un contratto fino al 2025, e l'appena riscattato Matteo Darmian (2024) saranno il tandem sulla fascia destra, con il secondo che ha la possibilità di adattarsi sulla corsia mancina all'occorrenza; e adattato può essere anche Danilo D'Ambrosio, in scadenza ma che corre verso il rinnovo.

OBIETTIVI - Gli obiettivi non mancano, nomi osservati da diversi mesi e già avvicinati nelle recenti sessioni di mercato: dal duo del Chelsea Marcos Alonso-Emerson Palmieri a Robin Gosens, da Junior Firpo (che il Barcellona puntava a inserire nell'affare Lautaro Martinez) al giovane Vitaliy Mykolenko della Dinamo Kiev. Profili pronti e di prospettiva, accomunati da richieste economiche importanti per soddisfare le quali l'Inter dovrà trovare i fondi necessari. Marotta e Ausilio quindi, al netto dell'evoluzione della cessione societaria, dovranno lavorare sulle uscite, con tanti casi incerti ancora da definire.
IN BILICO - Basti pensare a chi al momento presidia la corsia sinistra. Ivan Perisic si è adattato al ruolo di esterno a tutta fascia, nonostante prediliga una posizione più avanzata, e si è calato nella parte del jolly per Conte, ma il suo contratto scade nel 2022 e dunque la prossima estate sarà quella della verità: difficile ipotizzare un rinnovo al momento, più probabile l'addio dal quale i nerazzurri sperano di ricavare un primo tesoretto. Discorso diverso per Ashley Young, in scadenza al termine della stagione e legato al futuro di Conte e al modulo: per lui discorsi rimandati al termine della stagione. E poi i rientri dai prestiti: Dalbert, salvo colpi di scena, non sarà riscattato dal Rennes e per lui sarà necessario trovare una nuova sistemazione (contratto fino al 2023), mentre per Georgios Vagiannidis, classe 2001 oggi al Sint-Truiden, si profila un nuovo prestito. Uscite da definire, prima di dare l'assalto a un nuovo padrone per la fascia sinistra: l'Inter prepara la missione per l'estate.