Commenta per primo

Si continua parlando dell'ambiente Inter con Samir Handanovic, ospite della "Prima Serata" di Inter Channel in onda tra due ore esatte sul canale 232 di Sky Sport.

"È sereno - spiega il portiere nerazzurro - non ho avuto particolare difficoltà ad inserirmi, i miei compagni sono molto disponibili e per adesso l'ambientamento è andato liscio. Sto imparando a conoscere il gruppo, un portiere deve capire quali sono le caratteristiche dei propri compagni, trovarsi bene con loro e sapere nella partita che cosa ci si può aspettare"

Poche emozioni quelle che, solitamente, Handanovic lascia trasparire sul proprio volto: "È vero, non lascio vedere tanto però posso dire che mi sono emozionato 7 o 8 anni fa quando sono arrivato in Italia e ho giocato contro l'Inter al Meazza".

"Batman" il soprannome dato da Roberto Scarpini a Samir Handanovic, che sorride dicendo: 'Potete chiamarmi come volete, mi fa piacere, ma ce ne vuole ancora perchè io possa arrivare a essere come lui'.

Una telefonata con Lello Senatore, preparatore dei portieri di Handanovic ai tempi dell'Udinese, fa tornare indietro nel tempo il numero uno nerazzurro: "Siamo arrivati insieme a Udine e siamo cresciuti insieme entrambi, io come portiere e lui come allenatore. La grande soddisfazione è quando vedi dei miglioramenti. È vero bisogna lavorare sempre, ma con l'esperienza inizi a capire che cosa si deve fare per stare bene ed è di questo che parli con il tuo allenatore. Se devo dire la verità, sono due in particolare coloro dai quali ho preso la filosofia e sono Senatore e Bonaiuti. È importante prendere da ogni allenatore qualcosa perchè gente più grande di te ne ha viste tante e ne sa dipiù. Allo stesso modo è vero che siamo anche noi a dare a loro, abbiamo caratteristiche diverse perchè siamo persone diverse".