37
Prima l'addio di Cristiano Ronaldo, poi quello di Sergio Ramos e di Varane in estate. La vecchia guardia sta gradualmente lasciando il Real Madrid, nell'undici titolare ormai restano solo Benzema, Kroos e Modric (senza contare l'infortunato Carvajal e un Marcelo non più centrale), ma il nuovo ciclo e già partito. E a guidarlo c'è Vinicius Junior. Il brasiliano è una delle note più positive nell'avvio di stagione dei blancos, decisivo anche nell'ultimo largo successo in casa dello Shakhtar Donetsk di De Zerbi: un assist per Rodrygo, ma soprattutto la doppietta con il secondo gol arrivato al termine di un assolo personale in area degli ucraini. Dominante ed efficace, una crescita esponenziale per un giocatore che finora non era ancora riuscito a compiere il salto di qualità, un'evoluzione certificata dai numeri: 7 le reti messe a segno complessivamente in 11 presenze, già battuto il suo record stagionale dall'arrivo a Madrid, ai quali aggiungere 5 assist tra Liga e Champions League.

I NO AL PSG... - Dati che fanno felice Ancelotti e il Real facendo finire in secondo piano l'ennesima delusione per Hazard (ai box per un problema muscolare), cifre che si avvicinano a quelle che un mostro come Kylian Mbappé sta mantenendo in questo avvio (6 gol e 8 assist in 13 presenze complessive). E proprio la storia di Mbappé si intreccia con quella di Vinicius. I due potevano giocare insieme a Parigi, ma anche scambiarsi le maglie. Vini è un vecchio pallino di Leonardo, lo segue dai tempi del Flamengo e, dopo aver accarezzato l'idea ai tempi del Milan, aveva provato con più insistenza nell'estate del 2020, incassando il no secco delle merengues. Un rifiuto ribadito anche pochi mesi fa, quando il PSG ha provato a includere il cartellino del classe 2000 nella possibile operazione per il trasferimento di Mbappé a Madrid. Strade che si sono sfiorate e che potrebbero intrecciarsi al termine della stagione, con l'attaccante francese in scadenza con i parigini e sempre più destinato a vestire la camiseta blanca: per guidare il nuovo ciclo del Real.

BARCELLONA AVVISATO - Prospettive future, ora c'è il campo e per il Real aver ritrovato un Vinicius in 'formato Mbappé' dopo un paio di partite appannate è quanto mai prezioso. Soprattutto se si considera il prossimo impegno in calendario: non una partita ma LA partita, il Clasico. Domenica il Real vola al Camp Nou per affrontare il Barcellona, che nel frattempo continua a programmare il proprio di futuro con il rinnovo già siglato di Pedri e quello in arrivo per Ansu Fati (per entrambi clausola rescissoria da 1 miliardo di euro). Ancelotti prepara una sfida chiave per la classifica e coccola Vini, l'arma in più del nuovo Real.
@Albri_Fede90

Guarda la LaLiga Santander su DAZN. Attiva ora