94
Sappiamo che molti o moltissimi non saranno d'accordo con quanto diciamo in questo articolo: interisti anti-Icardi (o forse anti-Wanda), perbenisti, gente di calcio che crede nella sacralità dell’atleta nato solo per faticare. A noi però sembra che contro Maurito e consorte si sia scatenata una campagna fuori dal tempo e dal mondo, ma soprattutto profondamente ipocrita.

 

Icardi e Wanda hanno postato immagini piuttosto hard, una volta nudo lui e una volta nuda lei. Nel mondo dell’immagine, dei social e dell’ostentazione, non ci pare che siano andati oltre. Né oltre il buon gusto, né oltre la decenza. Ma, soprattutto, non hanno fatto niente - ma proprio niente - che metta in discussione la professionalità di Icardi, tanto meno il suo rendimento. Se la domanda è: lo avreste fatto al loro posto? La risposta è: no, nel modo più assoluto. Il vero quesito però, quello che dovremmo davvero chiederci, è: cos’hanno fatto di così grave?

 

Abbiamo ascoltato grandi personaggi del calcio commentare scandalizzati le foto. Perfino Capello, uno che in tv ci piace sempre per la sua schiettezza oltre che per la sua competenza, ci è caduto: “Se l’avesse fatto un mio giocatore non so come sarebbe potuto rientrare nello spogliatoio”. Wanda Nara - che potrà anche apparire esibizionista e sicuramente lo è, ma che di certo non è stupida, tutt’altro - lo ha smascherato pubblicando un post sul suo profilo Twitter: c’erano le foto di Cannavaro e Beckham nudi in pose artistiche e poi quegli stessi giocatori in festa nel Real Madrid proprio assieme a Capello. Caro Fabio, sono rientrati nello spogliatoio Cannavaro e Beckham?

 

La sensazione è che il calcio continui a essere un mondo falso e omertoso: se un calciatore lavora male, o magari si presenta all’allenamento in condizioni penose dopo una notte in discoteca, si tende a nascondere tutto, in particolare se il giocatore in questione è importante e in quel periodo la squadra vince. Sull’Inter del triplete, e su qualche suo campione, si raccontano ad esempio storie indecorose con il sorriso sulle labbra: “Arrivava alla Pinetina e non stava in piedi perché era stato in giro tutta la notte, ma poi in partita correva…”. A Icardi, chissà perché, non si perdona nulla. Non lo vogliamo far passare per vittima, ma è indiscutibilmente diventato un bersaglio.

 

Abbiamo letto, tra le altre cose, che l’Inter è furiosa per le foto di Icardi e Wanda: si ritiene addirittura che sia una strategia della signora Nara per allontanare gli acquirenti e restare in nerazzurro. Forse i dirigenti non si rendono conto che i primi a svalutare Maurito, un patrimonio, sono stati proprio loro, togliendogli la fascia e trasformandolo agli occhi del mondo come un rompiscatole ingestibile. E pensare che, fino a quel momento, non risulta che Icardi avesse mai saltato un allenamento né che si fosse presentato alla Pinetina mezzo ubriaco.


@steagresti