264
Anche il Collegio Sindacale interno della Juventus ha messo nel mirino le due 'Manovre stipendi' della Juventus. Chiudendo la relazione per gli azionisti, infatti, il Collegio ha confermato la posizione e i dubbi dei revisori di Deloitte e hanno sottolinato, riporta Calcio e Finanza come quegli accordi “integrino in capo alla Società una constructive obligation” e quindi avrebbero comportato una voce di passività da iscrivere sia nel bilancio 2020 che in quello 2021.

PARERI CONTRARI - Sui pareri di regolarità iscritti a bilancio dalla Juventus il Collegio conferma che . “Le conclusioni dei citati autorevoli pareri di cui si è dotata la Società e che sono stati presentati non siano condivisibili, nei limiti in cui finiscono per dare prevalenza alla forma degli accordi siglati rispetto alla loro sostanza. Ugualmente non condivisibile appare la ritenuta irrilevanza di tutti gli elementi di fatto emersi dagli atti d’indagine da cui, invece, emerge la volontà di un disallineamento tra gli accordi formalmente stipulati in tempi successivi e la sostanza di un accordo unitario"

RONALDO - "Cristiano Ronaldo a mezzo di un proprio difensore, risulta avere depositato in sede penale un’istanza di accesso agli atti ex art.116 c.p.p., nella quale rivendica la propria qualità di creditore della Società. Una posizione non contabilizzata a bilancio. Il Collegio segnala di avere trasferito alla Società le informazioni appena riferite, invitando una opportuna riflessione alla luce della rilevanza della posta in gioco, pari a circa Euro 20 milioni”.