Commenta per primo
Ciò che si sa è che sarà italiano e che, non solo per correttezza, il primo contatto sarà con l'attuale ct Marcello Lippi. Fissati intanto i paletti, Abete deve mettere in chiaro il destino della panchina azzurra. Si è dato tempo fino all'8 giugno, quando partitrà per il Sudafrica la spedizione azzurra. Ieri Ranieri si è tirato fuori gara, annunciando di continuare sulla panchina della Roma. Adesso l'uomo su cui si punta è Prandelli, anche se non ci saranno mosse fino a che la situazione con il suo attuale club, la Fiorentina, non sarà più che limpida. Occorrerà ancora del tempo, quindi, che Abete impiegherà a cercare alternative convincenti. Circola il nome di Mancini, anche se l'allenatore del City ha uno stipendio fuori misura per la Federazione. Altrimenti la soluzione "interna", con un tecnico formatosi nei quadri federali. Zola, libero dopo il West Ham, è una possibilità che a questo punto diventa consistente.