990
Gianfelice Facchetti non ci sta e scende in campo in difesa dell'Inter. L'intento dell’attore è quello di mettere in evidenza come spesso la cronaca sia differente a seconda del protagonista, nonostante la storia da raccontare sia pressappoco la stessa. In questa sessione di mercato l'Inter ha visto sfumare Bremer, l'inserimento perentorio della Juventus ha fatto sì che il difensore brasiliano si rimangiasse la parola data ai nerazzurri e per settimane su social e carta stampata non sono mancate prese in giro e aspre critiche all'operato dell'Inter. Ma che aria tira sull'altra sponda di Milano? 

Ieri Renato Sanches è diventato ufficialmente un calciatore del PSG, lo ha fatto mettendo in attesa per settimane i rossoneri, dopo aver raggiunto un accordo con Maldini da mesi. L'hanno spuntata i francesi, cui Sanches ha anche dato il tempo di sfoltire la rosa affinché liberassero spazio per lui. Qualche settimana prima invece era stata la volta di Botman, volato in Inghilterra per vestire la maglia del Newcastle, che ha offerto al Lille più soldi rispetto a quelli che mettevano a disposizione i rossoneri. Un altro affare sfumato dopo mesi di trattativa. 
Insomma, se Atene piange, Sparta non ride. E questo è quanto Gianfelice, figlio dell'indimenticato Giacinto Facchetti, ha voluto evidenziare con un commento (in una storia Instagram dal proprio profilo) a un vecchio articolo che dava Sanches al Milan: "Colpi che vanno, come Botman, colpi che vengono… è il mercato bellezza! Se Bremer e Dybala sono figuracce, non diteci che questa è la strategia giusta di chi non partecipa ad aste". Questa la stilettata ironica di Gianfelice Facchetti al Milan.