Commenta per primo
Stallo, anzi complicazio­ni. E tante. D’altronde la strada per arpionare Leonardo Bonucci, uno dei soggetti più ambiti dalla “nuo­va” Juventus, è sempre più lastrica­ta di ostacoli. Ma prima di esamina­re eventuali alternative, il dg bian­conero Beppe Marotta è deciso a utilizzare tutte le armi in possesso, e non sono poche, per vincere la bat­taglia e centrare un obiettivo consi­derato prioritario. SITUAZIONE - Com’è noto la pro­prietà del cartellino di Bonucci è di­visa a metà tra Bari e Genoa. In Pu­glia il difensore è esploso ai massi­mi livelli sotto le sapienti cure di mastro Giampiero Ventura, finen­do per conquistare in pochi mesi l’azzurro di Marcello Lippi e addi­rittura un biglietto per i mondiali in Sud Africa. Adesso il Genoa vuole riscattare la metà del cartellino in possesso del Bari ma la società dei Matarrese intende ricavare il mas­simo da questa situazione e... nic­chia. Il patron rossoblù Enrico Pre­ziosi ha offerto l’altra metà del car­tellino dell’attaccante Meggiorini, già presente nell’organico bianco­rosso, più 2,5-3 milioni di euro. I di­rigenti baresi hanno cortesemente rifiutato, invitando il Genoa a rive­dere la proposta. Fastidio rossoblù e rischio, in questo caso molto teorico, di “buste”. NEL FRATTEMPO... - La Juve ha fretta e per Bonucci preferirebbe trattare con un solo club. Meglio il Genoa con cui tra l’altro ci sono da risolvere le comproprietà di Raffae­le Palladino e Domenico Criscito. E proprio col Genoa erano stati avvia­ti discorsi in merito. Ma ieri il Ge­noa ha fatto sapere di voler tratte­nere Bonucci e già in passato si era dimostrato disponibile a privarsi del solo Andrea Ranocchia. Posizione che ha un po’ colto di sorpresa, e ir­ritato, i dirigenti bianconeri. Ora re­sta da capire se questa sia la reale intenzione del club rossoblù oppure se si tratti soltanto di una mossa strategica per, magari, alzare la po­sta. CAMBIO DI TATTICA? E allora si può anche ipotizzare un cambio di strategia da parte della Juve. Ovve­ro il perseguimento di una via... pu­gliese. E cioè, rilevare la metà del cartellino di Bonucci in possesso del Bari, magari tramite Almiron gio­catore che Ventura vorrebbe tenere con sè, e andare alla trattativa di­retta col Genoa in posizione di pa­rità teorica.