Calciomercato.com

  • Inter, Zhang: 'Vorrei un giocatore cinese in rosa. La chiamata a Moratti, gli obiettivi futuri, i rinnovi e lo stadio'

    Inter, Zhang: 'Vorrei un giocatore cinese in rosa. La chiamata a Moratti, gli obiettivi futuri, i rinnovi e lo stadio'

    Non accenna a scemare la festa in casa Inter. I nerazzurri hanno conquistato il ventesimo scudetto, quello della seconda stella, ampliando ancor di più la bacheca del presidente Zhang, ormai vicino ai patron interisti più vincenti di sempre. Di questo, e altro, ha parlato in un'intervista al canale Tik Tok di Liu Teng, un opinionista cinese. Ecco le sue parole.

    GLI INIZI - “Inizialmente non avevo intenzione di diventare presidente, ma poi alcune parole di Moratti mi hanno spinto in questa posizione. Durante i miei studi non immaginavo cosa significasse gestire un club, non sapevo nemmeno cosa fosse lo sport. Puoi percepire questa cultura solo attraverso gli occhi dei tifosi, dagli stadi, puoi sentire la cultura di questa terra e capire che la cultura sportiva americana è diversa da quella europea. Qui è veramente una fede nel cuore di ogni persona".

    IL RINGRAZIAMENTO -  "Ho chiamato Moratti per ringraziarlo, forse senza di lui, noi tifosi cinesi non avremmo mai sentito parlare dell'Inter. Da piccolo avevo sentito parlare dell'Inter, della Juventus e del Milan; se non fosse stato per lui e per suo padre, forse noi fan cinesi non avremmo avuto questo legame. Oggi sono io a mettere la seconda stella, ma senza i trofei che ha vinto lui prima, non avrei raggiunto quello che ho raggiunto oggi".

    PROSSIMI OBIETTIVI - "Obiettivi per la prossima stagione? Ogni stagione l'obiettivo è puntare al massimo, ogni trofeo ha il suo significato. Molti tifosi dicono di abbandonare certe competizioni, ma questo non è realistico, non si può rinunciare facilmente a nessun onore. Stabiliremo gli obiettivi a seconda delle circostanze specifiche. La trasferta in Cina per la tournèe? Non credo che questa cosa sia definitiva al 100% e non lo do per certo adesso, ma questo è quello che abbiamo pensato. L'attuale direzione dei lavori è simile a quella di molti altri club più grandi, non so se hanno fatto un annuncio ufficiale, e probabilmente non l'hanno fatto. Si andrà a Chengdu nel caso? Sì, ho parlato con i giocatori ieri. È un posto dove puoi vedere molti panda giganti".

    RAPPORTO CON I GIOCATORI - "Io e i giocatori abbiamo un'età relativamente simile. All’epoca avevo solo 24 anni, non molto tempo dopo la laurea, e molte persone in Italia pensavano che fossi solo un bambino. Glielo leggo negli occhi, hanno sempre 10.000 punti interrogativi: questo è il presidente dell'Inter? Ormai sono tante le volte in cui vado allo stadio e mi fermano. Ho sempre la sensazione che i miei giocatori siano i migliori e quelli che lavorano più duramente, se guardi molti di loro come Mkhitaryan, Nicolò Barella, Stefan De Vrij, si sente che la loro vita è seria, concentrata e semplice. Tornano a casa dopo l'allenamento, prestano grande attenzione al cibo e alle bevande, e prestano attenzione alla famiglia e all'ambiente circostante. Penso che l'attuale competizione sportiva si sviluppi sempre più in questa direzione. Quanto più le star sono importanti, tanto più prestano attenzione ai loro aspetti personali. Quando sono entrato nel team per la prima volta, in effetti non era così coeso come lo è adesso. Dal punto di vista quotidiano, devo prestare attenzione ai dettagli e prendere sul serio il mio lavoro, che può finalmente riflettersi nei risultati del gioco. A quel tempo, sentivo che i nostri concorrenti avevano tali qualità".

    ACQUISTI - "Mi sono sempre ricordato del gol che Eriksen ci fece col Tottenham nella prima partita in Champions League del 2018. Quando mi è stato detto c’era l’opportunità di ingaggiare Eriksen, ho detto subito sì. Con Pavard è successa la stessa cosa: ci fece gol l'anno scorso col Bayern Monaco, lo ricordo sempre".

    TIFOSO - "Dopo l'Inter la mia squadra preferita è la Nazionale argentina. Prima di quell'Inter-Udinese quando mi presentai con la delegazione di Suning non avevo ancora visto una partita di calcio".

    DOCUMENTARIO - "Faremo sicuramente un documentario sulla vittoria del campionato. Ma invece di farlo dal punto di vista cinematografico, potrebbe essere mostrato sotto forma di video e registrazioni conservate, piuttosto che in modo narrativo. Ci sono sponsor esterni, non la Paramount".

    ZANETTI - "Lui è un modello per tutti i giocatori, che si tratti di lavorare, mangiare, bere o relazionarsi con gli altri, il suo atteggiamento è molto standard e molto professionale. Non beve mai ed è molto autodisciplinato, quindi questo è anche il motivo per cui la squadra ha mantenuto le sue prestazioni. E tutti vanno molto d'accordo tra loro. Alcune persone possono andarsene, ma quando andiamo d'accordo, possiamo sentire l'emozione e l'amore di tutti per il club, che non si può sentire altrove”.

    SOCIAL - "Faccio sempre del mio meglio per non farmi influenzare dai commenti sui social, ma li vedo quando uso il telefono. Di solito affronto varie cose con un atteggiamento relativamente calmo e senza esagerare. Alcune persone saranno più aggressive e, se si spingono troppo oltre, alla fine la cosa si ritorcerà contro di loro. Comunque ora i commenti chiedono meno dell'Inter e della squadra, e fanno domande banali".

    RINNOVI - "Non dovrebbero esserci problemi con il rinnovo contrattuale dell'attuale rosa. Non avverrà nell'immediato, ma richiederanno un iter".

    STADIO - "In Italia il problema è molto complicato, rischia di essere una lunga questione".

    GIOCATORI CINESI ALL'INTER - "In questi otto anni ho pensato a questo aspetto, ma ho voluto pensare soprattutto alla formazione dei calciatori. Al momento non ci sono giocatori adatti, poi se ne spuntassero, uno spero di portarlo in Italia. Del resto, la società si chiama Internazionale: già quando venne fondata aveva giocatori di diverse nazionalità".

    Altre Notizie