267
Sandro Tonali, a prescindere da quello che sarà il futuro del Brescia, lascerà le Rondinelle nella prossima finestra di calciomercato. Il suo talento lo porterà a fare un salto avanti nella sua giovanissima carriera. Lo hanno paragonato a Pirlo perché lo ricorda nel look e nella posizione in campo, lì davanti alla difesa in una linea a 3. Non ha il suo lancio millimetrico o la fantasia ma ha un passo, una resistenza fisica e una capacità di recupero del pallone forse anche superiori. E' un giocatore quasi unico e come tale sta per scatenare un'asta.


TRA JUVE E INTER - A tutti i club che hanno bussato alla porta del Brescia è arrivata la stessa risposta da parte di Cellino: Tonali costa 50 milioni di euro. Un prezzo ritenuto molto alto dalla Juventus che, da diverso tempo, è al lavoro sui fianchi del club lombardo per provare a far abbassare la valutazione. Nelle idee di Paratici andrebbe a prendere il posto in rosa di Khedira, da mezzala e fin da subito senza nessuna tappa intermedia in prestito. Un progetto intrigante già illustrato al ragazzo e al suo entourage. I bianconeri sono in pole ma non hanno ancora chiuso e questo lascia ancora margine di manovra per le altre pretendenti. Come l'Inter, per esempio, che sul gioiellino classe 2000 non intende mollare la presa. 
CI PROVA IL MILAN - Corsa a due, dunque, per Tonali? No, anche il Milan si è iscritto alla corsa. Ci sono stati già dei contatti esplorativi sia con il Brescia che con l'agente del giocatore. Sandro piace tantissimo al club rossonero per diversi fattori: giovanissimo, di grande qualità e con un ingaggio in linea con la nuova politica societaria. E il gradimento è corrisposto totalmente. Tonali tifa Milan sin da bambino, in camera aveva il poster di Gattuso. Certo, non basta per chiudere una trattativa ma il Diavolo adesso ci sta provando concretamente. I soldi per convincere Cellino potrebbero arrivare dalla cessione di Paquetà che piace molto al Benfica.