18
Il Mondiale tutto da conquistare il prossimo marzo con la doppia sfida contro Macedonia del Nord e una tra Portogallo e Turchia impone alla Lega Serie A di iniziare a riflettere sui calendari della prossima stagione calcistica di Serie A. Ligue 1 e Premier League hanno già ufficializzato le rispettive date e anche Liga e Bundesliga hanno espresso delle intenzioni di massima, mentre a casa nostra la situazione è ancora in alto mare. In occasione del Consiglio di Lega andato in scena ieri - e in vista dell'Assemblea prevista per il prossimo 3 dicembre - è stata avviata una prima discussione sull'ipotesi di far partire il campionato 2022/2023 a metà agosto, per consentire alle nostre formazioni di arrivare pronte per i primi impegni nelle coppe europee di settembre.

I nodi più complicati da sciogliere restano quelli delle date immediatamente a ridosso dell'inizio della Coppa del Mondo in Qatar il 21 novembre 2022 e della sua conclusione, prevista per il 18 dicembre. Già molti campionati europei hanno reso noto che i giocatori saranno a disposizione delle rispettive nazionali soltanto una settimana prima e anche la Serie A sta dunque valutando di fermarsi dopo il turno del 13 novembre; più difficile ipotizzare invece che, sull'onda dell'esempio della Premier, la ripartenza del campionato possa coincidere col giorno di Santo Stefano. Il presidente dell'Assocalciatori Umberto Calcagno ha già palesato la necessità di concedere maggior riposo ai calciatori che saranno impegnati in un appuntamento particolare come il Mondiale, che l'anno prossimo andrà ad inserirsi in un periodo assolutamente anomalo rispetto alle tradizioni.
Per quanto concerne infine la conclusione della Serie A, uno slittamento fino ai primi giorni di giugno 2023 è stato ovviamente già messo in preventivo, anche perché l'11 giugno sarà disputata la finale di Champions League. Al momento non è previsto un ulteriore scivolamento per quanto riguarda la data della fine della prossima stagione di Serie A, anche perché va considerato come l'annata in corso si concluderà molto tardi per tanti dei calciatori del nostro torneo nazionale: causa Supercoppa "Maradona" con l'Argentina e impegni di qualificazione di Nations League.