124
Matthijs De Ligt continua a filtrare come nome presente sulla lista dei desideri del Real Madrid. Praticamente ogni settimana in Spagna si parla dell'olandese, perché il difensore effettivamente è il preferito della dirigenza del Real per stile in campo e fuori, potenziale, approvato anche da Zidane in persona in prospettiva e come titolare pronto per le merengues. Insomma, De Ligt è certamente graditissimo e viene visto a Madrid come l'erede perfetto di Sergio Ramos in vista del futuro, ormai 34enne ma ancora un top nel proprio ruolo.

LO 'SCIPPO' AL BARCELLONA - Dietro c'è quindi un'opportunità tecnica di alto profilo ma anche una storia di scippi e vendette con il Barcellona: i blaugrana avevano in pugno De Ligt un anno fa e lo hanno perso, hanno provato a chiederlo anche ad aprile scorso ricevendo un 'no' secco dalla Juventus, sentono di aver mandato all'aria una grande opportunità per una difesa che ha problemi di rinnovamento. Ecco perché il Real vorrebbe centrare l'occasione doppia in un colpo solo: prendere De Ligt come erede di Ramos e soffiare il preferito al Barça, piano perfetto di Florentino Perez anche per vendicarsi di altre mosse simili dei blaugrana come su Neymar nella scorsa estate. E assicurano in Spagna che Florentino stesso è pronto ad offrire anche una cifra vicina 100 milioni di euro facendone il difensore più pagato al mondo. In questo scenario c'è un ostacolo enorme, anche qualcosa di più.
LA RISPOSTA DELLA JUVE - Perché la Juventus è stata chiarissima e non lo venderà in questa estate, Matthijs stesso ha alzato il muro nelle sue ultime dichiarazioni assicurando che le possibilità di addio sono nulle. Il Real dovrà attendere ma per il futuro entra in corso, esattamente come e con il Barça. La Juve non si priverà subito di De Ligt, dopo una sola stagione. Ma l'assalto dà l'impressione di essere solo appena iniziato...