Calciomercato.com

  • Impresa Atalanta, Gasperini: 'Avevo anche paura a fare cambi. Scamacca a volte si spegne, oggi no'

    Impresa Atalanta, Gasperini: 'Avevo anche paura a fare cambi. Scamacca a volte si spegne, oggi no'

    • Redazione CM
    Una notte leggendaria per l'Atalanta, che batte 3-0 il Liverpool ad Anfield nell'andata dei quarti di finale di UEFA Europa League, grazie alla doppietta di Gianluca Scamacca e alla rete di Mario Pasalic. Un risultato che avvicina la qualificazione alle semifinali, nel ritorno al Gewiss Stadium di Bergamo basterà non perdere con più di tre gol di scarto per staccare il pass.

    Al termine della partita, il tecnico dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è intervenuto a Sky Sport: "Effettivamente è un risultato straordinario, importante chiaramente per l'Atalanta, per la sua storia e per tutti i tifosi arrivati fin qui con un entusiasmo incredibile, con la società qui presente. Giocare un quarto di finale a Liverpool, di Europa League, era un grande traguardo e un grande orgoglio. È l'unico risultato che rimane, non sempre si raggiungono trofei o coppe, quando si superano i propri obiettivi rimane come una vittoria".

    IL LIVERPOOL NON PERDEVA DA 34 PARTITE AD ANFIELD - "La felicità è questa, abbiamo giocato in uno stadio storico, contro una formazione di cui avete accennato i numeri. Avevamo vinto qualche anno fa a Liverpool in Champions League, ma non c'era pubblico per via del Covid. Quella di stasera ha tutto un altro sapore: è bellissimo vedere quanta soddisfazione e quanto entusiasmo c'è nella gente che ci ha seguito".

    COME HA PREPARATO LA PARTITA E PERCHE' HA FATTO UN SOLO CAMBIO - "Un cambio solo perché non volevo toccare niente, avevo paura, perché i ragazzi stavano ancora bene. Anzi devo dire che verso il finale, anche per il risultato, avevamo un entusiasmo... Eravamo anche meno affaticati che in certi momenti della partita. È chiaro che giocando insieme da tanto tempo abbiamo dei riferimenti ben precisi. Ieri c'è stato l'infortunio di Kolasinac e questo ha portato a mettere De Roon dietro. Sapevo di avere in Pasalic un giocatore in grandissima condizione".

    COSA HANNO FATTO MEGLIO - "Quello che abbiamo fatto meglio rispetto ad altre partite è stato il coraggio, la voglia di aggredire sul loro campo, siamo stati molto precisi, rarissimamente infilati. Sapevamo del rischio, ma potevamo metterli in difficoltà: se può giocare con continuità in attacco ti fa gol. Se riesci a portarli nella loro area riesci a creare situazioni come queste".

    SCAMACCA - "Sta facendo un percorso di crescita importante, per ambire a essere un giocatore di altissimo livello. I mezzi li ha indubbiamente, vale anche per De Ketelaere, hanno una qualità tecnica importante. La partita di questa sera deve essere un'iniezione di fiducia. Spesso ha dei momenti nella gara: il primo quarto d'ora l'ha fatto molto bene, poi si spegne, perde in fiducia, si assenta un po' e non è più lo stesso giocatore. Oggi l'ha fatto per novanta minuti, forse per la prima volta. Solo così diventerà un giocatore di alto livello come sono i mezzi a sua disposizione".

    SCAMACCA HA DETTO CHE C'E' IL RITORNO - "Stasera siamo molto felici, vinci tre a zero e metti comunque una buona ipoteca. Sappiamo che il Liverpool è straordinario, ti può fare dei gol in poco tempo. La bravura sarà quella di sapere difendere e ribattere colpo su colpo. Abbiamo fatto tre gol, poi altre occasioni con Pasalic, con Koopmeiners, altre situazioni pericolose. Non so se riusciremo a creare così, ripetere questo tipo di partita, altrimenti non c'è possibilità. Loro ti attaccano sempre in tanti, se incominciano a fare un gol... Le partite sono molto aperte. Mi ricordo una finale di Champions contro il Milan, da 3-0 a 3-3, sembrava ci fosse un abisso tra le due squadre. Questo è il loro spirito, siamo felici ma fra sette giorni dovremo saperci ripetere".

    Altre Notizie