47
Sono giorni importanti in casa Suning e ovviamente anche per l'Inter. Gli occhi dei tifosi nerazzurri, in attesa dello scontro diretto per il vertice della classifica di sabato contro il Napoli, saranno ovviamente puntati verso oriente dove, in Cina, si vivrà una 5 giorni fondamentale per le prossime mosse della proprietà nerazzurra.

IL CONGRESSO E I FONDI - Nella giornata di domani prenderà il via il congresso del Partito Comunista Cinese che sta paralizzando l'intero stato. Pechino è blindata e il presidente Xi Jinping esporrà in questi giorni di lavoro i suoi punti chiave della politica interna, ma soprattutto estera dello stato cinese. Negli ultimi mesi lo stop alla fuga di capitali e agli investimenti folli verso l'estero (e quindi soprattutto nel calcio) sono stati i punti cardine delle scelte del partito che ora vuole rafforzare ancora di più queste scelte. Suning si è sempre mostrata collaborativa e la speranza è che alla fine possa arrivare un via libera, anche parziale, a nuovi investimenti per accrescere il valore del brand nerazzurro.

LO JIANGSU E RAMIRES - Difficile che, in ogni caso, Suning possa tornare ad investire fin da subito nell'Inter e quindi in vista del mercato di gennaio si dovrà ancora una volta guardare a colpi low cost. In questo senso diventa importante per Suning il prossimo turno della Superliga Cinese. Il Jiangsu non è ancora aritmeticamente salvo, ma potrebbe ottenere la certezza al termine della sfida contro il Changchun Yatai e questo alleggerirebbe i discorsi di mercato che riguardano il centrocampista brasiliano Ramires. L'ex Chelsea si è già promesso all'Inter in vista di gennaio, ma ancora Suning non ha dato il via libera per imbastire un'operazione in prestito. Prima la salvezza poi si penserà al mercato. Aspettando anche il sì del governo cinese a nuoi investimenti. Nei prossimi 5 giorni si sbloccherà tutto?