Calciomercato.com

Inter, non solo il dito medio di Acerbi: la Procura FIGC apre un'indagine sulla telefonata di Inzaghi

Inter, non solo il dito medio di Acerbi: la Procura FIGC apre un'indagine sulla telefonata di Inzaghi

  • Redazione CM
  • 404
Un gesto che non è passato inosservato. Non si placano le polemiche all'indomani della sfida tra Roma e Inter, in virtù dei vari episodi avvenuti durante la gara dell'Olimpico. Sotto la lente di ingrandimento, il dito medio rivolto dal difensore nerazzurro, Francesco Acerbi, all'indirizzo dei tifosi giallorossi, dopo alcuni cori di cattivo gusto rivolti al giocatore azzurro a causa del suo passato alla Lazio. Un’immagine che però, inizialmente, era sfuggita sia alla diretta televisiva che agli spettatori, ma che è esplosa negli attimi successivi al triplice fischio della sfida svoltasi all'Olimpico e vinta per 4-2 dal club di Viale della Liberazione.

LA DECISIONE - La Procura federale, come riportato da La Gazzetta dello Sport, ha aperto un fascicolo sul dito medio che Francesco Acerbi ha mostrato ai tifosi giallorossi della Tribuna Montemario, dopo il controllo al Var (per la posizione e l’influenza di Thuram sull’azione e sui Rui Patricio) successivo al primo gol nerazzurro in Roma-Inter che lo stesso ex Milan aveva realizzato. Il procuratore Giuseppe Chinè ha aperto subito un'indagine, con Acerbi che sarà ascoltato nei prossimi giorni. È probabile che si arrivi a un patteggiamento, con conseguente ammenda e multa pesante ai danni del difensore nerazzurro. In caso contrario, si potrebbe andare incontro anche a una squalifica.

ANCHE INZAGHI - Oltre al caso Acerbi, la Procura ha deciso di approfondire anche la natura della telefonata di Simone Inzaghi (squalificato) al termine del primo tempo della sfida dell’Olimpico di sabato. Oggi sia Acerbi sia Inzaghi verranno ascoltati dal procuratore Chiné che a quel punto deciderà se deferire o archiviare i fascicoli.

ECCO COSA RISCHIA INZAGHI

Commenti

(404)

Scrivi il tuo commento

johnn1
johnn1

l'Italia è un paese alla rovescia, l'aggredito diventa il colpevole, follia pura.

Altre notizie