Commenta per primo
Antimo Grillo, agente Fifa che ha il mandato di vendita di Sebastian Jung per l'Italia, parla a Fcinternews.it del suo assistito, 22enne esterno dell'Eintracht Francoforte: "Jung ha sempre affermato di voler rimanere all'Eintracht, ha prolungato la scadenza del contratto di un anno: quindi, dal 2014 si è passati al 2015. Ma, soprattutto, è venuta a decadere la clausola di 2,5 milioni di euro che permetteva di acquistarlo direttamente senza negoziare con i tedeschi. Ora la situazione è cambiata totalmente. Chi lo vorrà, dovrà contattare il club tedesco, o il sottoscritto, e fare un'offerta. Insomma, ci si dovrà sedere intorno ad un tavolo e confrontarsi".
 
Da quale base si parte? "Da quello che mi risulta l'Eintracht valuta il giocatore 8-9 milioni: ma, comunque, indipendentemente dalle cifre quello che oggi è cambiato è che bisognerà trattare con il club tedesco".
 
Perché la società nerazzurra non ha chiuso l'acquisto?
"A me dispiace che l'Inter non sia riuscita a prendere Jung, dato che era stata la prima società italiana a interessarsi al giocatore. Ma, purtroppo, in Italia poi è quasi sempre così: quando è il momento di sferrare l'attacco decisivo, ci si blocca sempre...".
 
La partita è chiusa o ci sono margini per riaprirla?
"Mai dire mai e visto che siamo in pieno mercato può davvero succedere di tutto ogni giorno. Certo è che se l'Inter vuole Jung adesso deve prendere il telefono e chiamare. Altre possibilità non ce ne sono".