47
Piero Ausilio, direttore sportivo dell'Inter, parla ai microfoni di Premium prima del match che vede impegnati i nerazzurri a Marassi contro la Sampdoria.

SU VERRATTI - "Offerta per Verratti? L’abbiamo già preso (scherza, ndr)… Come si fa a non parlar bene di Verratti? Però so anche in che squadra gioca, che ambizioni ha. Detto questo, penso non esista un direttore sportivo a cui non piaccia Verratti". 

SUL MOMENTO DELLA SQUADRA - "Mercoledì abbiamo vinto, ma siamo andati vicini a non vincerla e sarebbe stata un'ingiustizia. Poi è arrivato il gol di Mauro Icardi che ha premiato la qualità del gioco; ho visto un'Inter positiva". 
SU KONDOGBIA E GABIGOL - "Le non convocazioni di Jovetic, Gabigol e Kondogbia? Kondogbia non sta bene, è solo un discorso fisico. Per quanto riguarda gli altri, sono scelte tecniche: l’allenatore ha deciso di puntare su altri ragazzi e forse si aspetta qualcosa in più da loro in allenamento. In particolare, per quanto riguarda Gabriel, non dimentichiamoci che è solo un ragazzo che è appena arrivato dal Brasile: ha bisogno di crescere e per questo va tutelato".

SUI CAMBI TATTICI - "Noi abbiamo tanta qualità, specie davanti. Nelle ultime partite il mister sta puntando su un 4-3-3 con un centrocampo di qualità e anche di esperienza. Abbiamo tante soluzioni e vanno sfruttate tutte, anche a partita in corso. Basti pensare a quanto fatto da Rodrigo Palacio mercoledì; i giocatori con questa esperienza devono essere d'esempio per gli altri". 

SUI PRODOTTI DEL SETTORE GIOVANILE - "Chiosa su eventuali arrivi dal settore giovanile: "Noi ci crediamo tantissimo, lo abbiamo sempre dimostrato. Forse ne abbiamo sacrificato qualcuno per la causa economica, ma tantissimi giovani cresciuti da noi ora sono protagonisti in Italia e all'estero. Ora vogliamo investire e vedere il nostro prodotto valorizzarsi in squadra. Ne abbiamo già alcuni, in futuro faremo di tutto per sviluppare ulteriormente questo progetto".