2
Antonio Conte vuole Kanté, un calciatore abituato a cambiare il destino di tutti. Questo è quanto scrive la Gazzetta dello Sport. 

“N’Golo è un uomo che cambia i destini. Il suo, in primis, trasformando i rifiuti giovanili con una foto con la coppa del Mondo. Ma anche quelli dei club: accadde con il Chelsea di Conte, di cui fu forse il miglior giocatore, o almeno il più importante, nell’ultimo titolo dei Blues (2016-17). Ma avvenne anche col Leicester dei miracoli, un anno prima. In quella favola Kanté fu, se non proprio la fatina, almeno la bacchetta magica. Era il suo debutto Premier, arrivava dalla prima esperienza in una massima divisione, col Caen, e le Foxes investirono per lui 9 milioni. Il piccolo francese cambiò la storia loro e di Claudio Ranieri, ma in questo caso la cosa fu reciproca. Il tecnico italiano lo lanciò fra i protagonisti, lo aiutò a migliorarsi e poi lo vide partire per quasi 36 milioni. Oggi il Chelsea ne vuole una cinquantina per cederlo, e l’Inter è disposto a investirli. Conte e la dirigenza sono convinti che potrebbe cambiare anche i destini nerazzurri, anche dopo una stagione con qualche problema fisico ed equivoco tattico che hanno convinto Lampard di poter battere altre strade”.