69
“In un mondo di Perisic e Dumfries io son Matteo Darmian”
Potrebbe cantare così, un po' come fanno i Pinguini Tattici Nucleari, il numero 36 dell’Inter, arrivato in sordina due stagioni fa e dapprima riserva di Hakimi, poi di Dumfries. Ma probabilmente il termine “riserva” non è calzante per l’ex Torino, che sia con Conte, sia con Inzaghi si è sempre fatto trovare pronto e ha segnato anche gol pesantissimi, come quello che ha spianato la strada all’Inter per lo scudetto della scorsa stagione contro il Verona o quello che ha aperto le marcature ieri sera contro il Cagliari, tenendo aperta la volata contro il Milan.
 
12ESIMO-QUINTO – Dicevamo, non è corretto chiamare Darmian “riserva”. Sia perché ha un valore congruo a quello richiesto per far parte dei titolari di una big, sia perché, effettivamente, il suo minutaggio non è quello di una riserva: Darmian è infatti l’unico dei non titolarissimi che ha superato i 2000 minuti in stagione. Preferito a Dumfries inizialmente, quando l’olandese non si era ancora adattato, ma anche in seguito quando la partita richiedeva un approccio più tattico e disciplinato. Un esempio su tutti, semifinale e finale di Coppa Italia, oppure ancora la partita col Cagliari, che, se non vinta, avrebbe significato “game over”. Risultato: stacco alla Ronaldo e gol. Un vero e proprio 12esimo, che spesso e volentieri diventa quinto sin dal primo minuto.
 
FUTURO AL SICURO – Il contratto di Darmian scadrà fra 13 mesi, sicuramente nelle prossime settimane sarà il tempo di cominciare a intavolare qualche discorso per il rinnovo; intanto, però, Inzaghi e i tifosi hanno una certezza sul campo e, soprattutto, sul mercato: sì, perché le prestazioni di Dumfries hanno fatto lievitare il suo prezzo dai 12,5 milioni con i quali è stato acquistato ai 35-40 senza i quali l’Inter non ascolterà proposte. Nell’eventualità, però, che qualcuno bussi alle porte di Viale della Liberazione con la cifra necessaria e che, in seconda istanza, la dirigenza nerazzurra la accetti, Darmian rappresenta una soluzione di assoluto rilievo. E ieri, ancora una volta e se mai ce ne fosse ancora bisogno, lo ha dimostrato.