67
"Quando è mancato Brozovic ho utilizzato al suo posto calciatori con caratteristiche da mezzala, non abbiamo in rosa un suo vice ma ho parlato con la società e lo prenderemo nel prossimo mercato". Simone Inzaghi era stato chiaro ormai quasi un mese fa quando, in conferenza stampa, aveva animato i sogni di mercato dei tifosi dell'Inter. Il lavoro di scouting di Ausilio e Baccin non si è mai fermato e la cerchia dei profili interessanti per la prossima estate si sta sempre più restringendo. 

IL PROFILO - L'Inter ha infatti le idee chiare e si sta guardando attorno cercado un profilo di giocatore ben delineato. Ovviamente l'idea è che possa crescere accanto a Marcelo Brozovic, e, proprio per questo, tecnicamente dovrà partire da una buonissima base. Inoltre (VE L'ABBIAMO RACCONTATO QUI) il profilo dovrà essere giovane, di età non superiore ai 22-23 anni e dovrà arrivare dal campionato italiano o al più dai top campionati d'Europa. No a profili in là con l'età che richiedano alte cifre d'ingaggio e no anche a talenti sudamericani che potrebbero avere difficoltà nell'integrarsi nell'Inter e nel calcio italiano.
DA THURAM AD ASLLANI - Il profilo che più piace è quel Kephren Thuram, figlio più piccolo di Lilian che si sta mettendo in grande mostra con il Nizza in Ligue 1 (ma che è uscito sconfitto dalla finale di coppa contro il Nantes LEGGI QUI). Il costo del cartellino è in forte crescita, così come la concorrenza e allora prendono sempre più piede idee alternative. In Serie A piace molto Asllani dell'Empoli che proprio a San Siro ieri ha brillato sotto gli occhi dei dirigenti nerazzurri. I rapporti con il club toscano sono ottimi, ma il presidente Corsi preferirebbe tenerlo un altro anno in azzurro. Stuzzica meno il profilo di Morten Hjulmand titolarissimo del Lecce ritornato ieri in Serie A, ma che per caratteristiche è ritenuto più distante da Brozovic così come Schouten del Bologna, che piace molto nonostante la bottega carissima, ma che ha un profilo più da mezzala che non da regista puro. Idee, profili, opzioni. l'Inter resta al lavoro per colmare un vuoto endemico della propria rosa.