Calciomercato.com

Inter: il caso Donnarumma-PSG non ha insegnato niente? Il dualismo Handanovic-Onana è un problema

Inter: il caso Donnarumma-PSG non ha insegnato niente? Il dualismo Handanovic-Onana è un problema

  • Emanuele Tramacere
L'Inter sta lavorando benissimo sul mercato e ha già regalato a Simone Inzaghi 5 innesti che completano e potenziano una rosa che già era importante e lo potrà diventare ancora di più. Eppure, nonostante gli sforzi fatti, c'è un problema che rimane evidente ed è stato evidenziato (pensando di risolverlo) proprio dall'allenatore nerazzurro che, in conferenza stampa, ha confermato come nonostante l'acquisto di Onana, non ci sarà il tanto sognato (dai tifosi) cambio in porta.

HANDANOVIC RESTA TITOLARE - "Il titolare in porta sarà Handanovic. Se l'è meritato per la stagione che ha fatto, che è stata ottima. Conosciamo il valore di Onana, è giovanissimo. È il portiere del futuro dell'Inter, già quest'anno avrà occasioni. Ci puntiamo fortemente". Sia chiaro, gestire un senatore dal peso specifico del numero 1 sloveno non è sicuramente semplice, ma quanto successo l'anno scorso con Radu (e Bologna) dovrebbe aver quantomeno instillato in Inzaghi il seme del dubbio sulla necessità di cambiare le gerarchie in porta.

GIOVANISSIMO? - Giovane, o addirittura giovanissimo come dice Inzaghi, sono tra l'altro termini che non rappresentano la realtà dei fatti per Onana e sminuiscono il valore di un colpo dal grande presente, oltre che dal grande futuro. A 26 anni, infatti, l'ex Ajax ha già all'attivo 286 presenze in carriera di cui 54 in competizioni europee fra Champions ed Europa League e 30 caps con la nazionale camerunese. Numeri da portiere esperto, altro che giovane.

DONNARUMMA NON HA INSEGNATO NIENTE? - Insomma, Onana è a tutti gli effetti un titolare e non un giovane, che sì, arriva da un periodo di stop legato alla squalifica per doping, ma che ha bisogno di fiducia fin da subito e non di fare la riserva di un portiere che da tempo è entrato nella fase calante della sua carriera. Quest'anno un caso simile di dualismo fallimentare, lo abbiamo tra l'altro già vissuto a Parigi con Donnarumma e Navas che si sono pestati i piedi fino ai rispettivi flop. Un caso che non ha proprio insegnato niente. Handanovic ripartirà ancora una volta da titolare, ancora una volta a prescindere dalle alternative a disposizione. Per riconoscenza, la parola principe nel calcio di tutti i fallimenti.

Altre notizie