337
Milan Skriniar è uno dei volti che si sono prestati per lanciare il nuovo pallone della Serie A. Ma in questo caso non si tratta di un indizio di mercato sulla possibile permanenza del difensore slovacco all'Inter. Anzi, il club nerazzurro sta portando avanti la trattativa per cederlo al Paris Saint-Germain. Che, dopo aver già convinto il calciatore con un ingaggio da 9,2 milioni di euro all'anno (il triplo dell'attuale), è al lavoro per ottenere pure il sì dell'Inter sulla base di 60/70 milioni di euro. 

IN ARRIVO - L'Inter ha perso Perisic (passato al Tottenham di Conte a parametro zero), ma a gennaio aveva già preso Gosens dell'Atalanta nel suo stesso ruolo. Così ha deciso di puntare su un esterno destro più giovane come Bellanova, in arrivo dal Cagliari, dirottando Darmian sulla fascia sinistra, dove in caso di necessità potrebbe essere avanzato pure Dimarco. Cambiaso del Genoa piace (anche alla Juve), ma non a tutti i costi. 
I RISCHI - Invece per quanto riguarda i difensori centrali, la priorità è sempre stata la pista che porta a Bremer. La cessione di Skriniar non porterebbe automaticamente al suo acquisto, ma sicuramente darebbe una grossa mano. Perché è vero che da tempo l'Inter ha in tasca l'ok di Bremer, ma finché non ci sono le firme è sempre presente il rischio di brutte sorprese. Giusto per fare due esempi non a caso, il Milan ha perso Botman (destinato al Newcastle) e la Juve rischia di perdere de Ligt: entrambi questi club sono grandi estimatori di Bremer. Un motivo in più per cui l'Inter vuole e deve accelerare per concludere l'affare con il Torino.