112
Ieri in conferenza stampa Antonio Conte lo ha ribadito senza mezze misure. “Icardi? La sua situazione è chiara, come lo è stato il club. Non rientra nel progetto Inter. Non è semplice giocare senza attaccanti ad inizio stagione. Nainggolan? Anche lui resta fuori dal progetto". Erano attese le parole sull’argentino, che neanche è partito per la tournée asiatica, mentre sul belga c’era grande incertezza. Nainggolan, partito regolarmente per la Cina, svolge le prove tattiche insieme al gruppo, ma nonostante questo resta fuori dal progetto Inter, come ribadito dall’allenatore. Nonostante continui a sperare in una marcia indietro o in una situazione italiana piuttosto che straniera, Nainggolan assieme all’agente Beltrami ha aperto a una potenziale cessione in Cina.


FUORI DAL PROGETTO - Conte fa sul serio e Nainggolan onde evitare di restare un anno ai margini vuole ascoltare tutte le proposte prima di prendere una decisione sul futuro. Lo Shanghai Shenhua e il Dalian Yifeng si sono informati con tempistiche ristrette perché in Cina il mercato chiude il 31 luglio. Rispetto al passato, il belga questa volta non ha chiuso e ha chiesto tempo per valutare le proposte sia economicamente che sotto l'aspetto personale. Cedere Nainggolan è una priorità per Marotta, ma non sarà semplice. A bilancio pesa circa 28 milioni di euro, ma l’Inter non scarta l’ipotesi di girarlo in prestito con obbligo di riscatto al prossimo anno, quando il costo a bilancio sarà inferiore. Si preannuncia un’estate particolare per il Ninja, che intanto si sta allenando al massimo in tournée con la squadra.