38
In un periodo di enorme difficoltà, in casa Inter c'è un dirigente che sa bene come gestire le emergenze: Beppe Marotta. Questo è quanto scrive la Gazzetta dello Sport. 

“Nella sfortuna delle disgrazie economiche degli Zhang, sprezzanti del pericolo di legarsi a prestiti con tassi capestro, l’Inter ha goduto della buona sorte di esser gestita da uno dei migliori dirigenti di sempre. Beppe Marotta è l’argine alla deriva, la garanzia che l’emergenza sarà gestita e non subita. Ha sostituito Conte con Simone Inzaghi, un allenatore di gioco similare, per non stravolgere il quadro tattico. Ha sottratto Calahnoglu al Milan, a parametro zero. E una quota dei milioni ricavati dall’addio di Lukaku l’ha già investita in rattoppi funzionali e di qualità, Dumfries per Hakimi e Dzeko per Romelu cuore di Chelsea. L’estate della follia e della resistenza, specialità di casa Inter”.