28
Sabato alle ore 18 l'Inter torna allo stadio Olimpico esattamente sette settimane dopo la prima (e finora unica) sconfitta in questo campionato. Nonostante l'assenza del leader difensivo Acerbi, la Lazio di Sarri vinse 3-1 in rimonta contro la squadra allenata dall'ex Simone Inzaghi. 
Stavolta la Roma è ancora più in emergenza: Abraham e Karsdorp sono squalificati; Pellegrini, El Shaarawy e Spinazzola infortunati; senza dimenticare il giovane Felix alle prese col Covid. In panchina c'è il grande ex José Mourinho, che si affida a un altro ex nerazzurro: Nicolò Zaniolo. 

Dopo il ko nel turno infrasettimanale di mercoledì a Bologna, con una sola frase ("Per Zaniolo è difficile giocare in Serie A...") il tecnico portoghese ha centrato più obiettivi: spostando l'attenzione sugli arbitri (il numero 22 giallorosso è stato ammonito per una presunta simulazione in area di rigore), difendendo e caricando il ragazzo. Al quale affida un "triplete" di compiti contro l'Inter: segnare il suo primo gol in questo campionato, pressare Brozovic in fase di non possesso palla e aumentare i rimpianti nerazzurri per la sua cessione nell'estate del 2018 all'interno dell'operazione di mercato che portò a Milano il belga Nainggolan.

Dall'altra parte l'ex laziale Simone Inzaghi si affida a un altro grande ex di turno, Edin Dzeko: "Per lui sarà una partita speciale".