137
Il mercato estivo 2021/22 dell'Inter è partito con una certezza assoluta, la cessione di Hakimi, e tre idee centrali come l'eredità di Handanovic, il vice-Lukaku e un titolarissimo di fascia sinistra. La cessione a sorpresa proprio dell'attaccante belga insieme ai mancati incassi per gli addii dei numerosi esuberi ha portato però la dirigenza nerazzurra ad un mercato diverso, di reazione, che ha inevitabilmente messo da parte le idee iniziali e fra queste anche e soprattutto l'acquisto del famoso titolare di fascia sinistra. E allora, con il ritorno alla base di un Dimarco che si è guadagnato sul campo la conferma, ripartirà per Ivan Perisic la sesta stagione con la maglia nerazzurra addosso, la settima sotto contratto.

TITOLARE IN BILICO
- Perisic l'anno scorso con Antonio Conte ha scelto di adeguarsi e rimettersi in gioco in un ruolo che non sentiva suo e che lo aveva portato ad accettare il prestito al Bayern Monaco. Si è calato bene nella parte al punto da diventare un perno importante dell'11 dell'ex allenatore salentino e anche in questa stagione il punto di partenza con Inzaghi è stato lo stesso sia a Verona che in casa col Genoa. Grande corsa, attacco della profondità, un gol annullato e cross e assist importanti per le punte. Eppure per tutta l'estate per l'Inter Perisic è stato fra i "cedibili" a fronte di un'offerta congrua ma né lui, né il club hanno trovato una soluzione adeguata e, soprattutto un sostituto che lo scalzasse senza se e senza ma, dal ruolo di titolare che invece si giocherà alla lunga con Dimarco.
IL RINNOVO - Un altro anno, un'altra stagione che però questa volta potrebbe davvero essere l'ultima. Perisic ha infatti il contratto in scadenza il 30 giugno 2022, ma un ipotetico rinnovo, ad oggi, non conviene e non interessa a nessuno. Non al giocatore, che già in passato ha cercato altre avventure che da svincolato potrebbe più facilmente trovare. Non al club, conscio che per trattenere un giocatore che si avvicina al suo ultimo contratto importante della carriera dovrebbe alzare l'offerta salariale oltre i già importanti 4,5 milioni percepiti attualmente. Perisic insomma resterà all'Inter e sarà ancora un protagonista importante. Ma con vista su un futuro che a fine anno potrebbe portare concretamente all'addio.