604
Poco spettacolo e reti bianche a San Siro nel primo anticipo della quindicesima giornata di Serie A. A San Siro, Inter-Roma finisce 0-0 e a godere è soprattutto la Juve, che domani - contro la Lazio - ha la possibilità di tornare capolista. La prima grande occasione è sui piedi di Romelu Lukaku: Veretout sbaglia un passaggio in uscita, il belga intercetta la sfera ma spreca a tu per tu con Mirante, bravissimo a respingere. La Roma, con il passare dei minuti, acquisisce sicurezza e fiducia: i giallorossi stazionano spesso nella trequarti nerazzurri, ma creano poco. Solo Zaniolo è davvero pericoloso, con un tiro bloccato in due tempi da Handanovic. Il finale di primo tempo è di marca interista, con i nerazzurri che sprecano però ghiotte occasioni. Al 32' chance per Lautaro Martinez, il cui tiro termina sul fondo. Al 44' grande possibilità per Brozovic: Mirante sbaglia il disimpegno, il croato riceve palla e calcia di prima intenzione, ma la palla finisce alta. Sul finale di prima frazione Candreva accusa un problema alla schiena ed è costretto a lasciare il campo per fare spazio a Lazaro.

Nella ripresa è l'Inter a partire forte. Al 49' inserimento in area di Vecino: l'uruguaiano ci prova con il collo esterno, ma Mirante è molto reattivo e con la mano sinistra si esalta. Fonseca inserisce il febbricitante Dzeko, ma è sui piedi di Lautaro l'occasione più ghiotta. Il tiro del Toro, però, viene salvato da Spinazzola, il cui tocco porta alle proteste dell'argentino, che chiedeva un fallo di mano. Le due squadre faticano ad incidere, i leader non riescono a trovare la giocata e il guizzo giusto per sbloccare la gara. Nonostante gli ultimi assalti - tra cui emerge una chance in area di rigore per Lautaro, su cui salva Mancini. A San Siro finisce 0-0: l'Inter sale a 38 punti, ma domani può tornare a -1 dalla Juve. La Roma, invece, sale a 29 punti, portandosi momentaneamente a +1 sul Cagliari e -1 sulla Lazio
A FINE PARTITA RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER LEGGERE L'APPROFONDIMENTO DI GIANCARLO PADOVAN PER 100ESIMO MINUTO.​