30
All’Inter si sono ormai messi il cuore in pace e si aspettano che la prossima possa essere un’altra estate di passione con Mauro Icardi come protagonista. L’argentino ha una sola certezza, ovvero quella secondo cui a giugno tornerà in Italia per non ripartire mai più verso l’estero. Una scelta maturata durante questi mesi in Francia: troppa la nostalgia della famiglia, sua moglie è impegnata tra Milano e Roma per lavoro e gli spostamenti per ricongiungersi non sono mai stati semplicissimi negli incastri. Ecco perché Icardi vuole assolutamente tornare in Italia e per lo stesso motivo non esclude assolutamente la possibilità di restare in nerazzurro, dove percepirebbe un ingaggio da 6,5 milioni di euro fino al 2022.

Un’eventualità, quest’ultima, che non piace a Marotta e tanto meno a Zhang, che qualche mese fa aveva voluto a tutti i costi la partenza del centravanti argentino. Difficile far finta che nulla sia accaduto e accettare nuovamente in rosa l’ex capitano, anche perché all’interno dello spogliatoio ci sono e ci saranno anche quegli ex compagni che parlando con Spalletti avevano preteso il ridimensionamento del centravanti argentino e il ritiro della fascia. Si può tornare indietro? Per l’Inter è impossibile, per Icardi tutt’altro, vista la sua capacità di farsi scivolare le cose addosso
Quale potrebbe essere la soluzione? La Juventus rimane la pista più calda. Paratici è un estimatore di Icardi ma già l’anno scorso aveva promesso all’entourage di “Maurito” un’offerta però mai giunta in viale della Liberazione, probabilmente a causa della mancata cessione di Higuain. La prossima estate potrebbe andare diversamente. Come soluzione estera, invece, Icardi al momento tiene aperte le porte solo ed esclusivamente al Real Madrid, da sempre squadra dei suoi sogni. Quando ha iniziato a giocare da professionista ha sempre avuto l’ambizione di arrivare un giorno a giocare al Bernabeu, ma da Madrid non sembrano per niente intenzionati ad affondare il colpo.