345
Simone Inzaghi non è contentissimo della sua Inter vista ieri col Villarreal. Nell'ultima amichevole precampionato, i nerazzurri prendono altri quattro gol che sommati a quelli precedenti fanno un totale di dieci reti subite durante l'estate. Tante, troppe per l'allenatore che dovrà rivedere i meccanismi in difesa. L'allenatore ha già fatto lo switch tra Dimarco e Darmian per esempio, spostando il primo nei tre di difesa e facendo diventare l'altro il vice Gosens. Ma nel ko di ieri tra i peggiori in campo c'era Milan Skriniar. Lo slovacco era appannato e macchinoso, non è stata una serata ai suoi livelli.

CHI LO VUOLE - A poco meno di un mese dalla fine del mercato, le voci su un suo possibile addio all'Inter continuano ma a una settimana dall'inizio del campionato rimane in piedi anche l'ipotesi di una permanenza in nerazzurro. La proposta del Psg di 50 milioni di euro era stata rispedita al mittente con un chiaro messaggio: "Per meno di 70 non lo trattiamo". E, finora, di rilanci non ce ne sono stati. Non si è fatto avanti neanche il Chelsea, che ha avuto qualche contatto con l'intermediario dell'operazione ma al momento di proposte concrete non ne sono arrivate.
LE MOSSE - I Blues sono alla ricerca di un difensore da affiancare a Koulibaly e non è escluso che possano fare un tentativo per lo slovacco, il Psg in questo mercato si sta muovendo molto lentamente e dopo l'annuncio di Renato Sanches potrebbe provare l'affondo per un centrale (oltre a Mukiele). La volontà di Skriniar è sempre stata quella di rimanere a Milano, nell'amichevole con il Lione è stato accolto da un boato dei tifosi che vorrebbero averlo in nerazzurro. Ora però bisogna concentrarsi sul campo, dopo il flop col Villarreal serve una svolta.