Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport dopo la conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l'Atalanta: "Se vediamo il possesso palla nella metà campo avversaria e le occasioni create sono una delle squadre migliori del campionato. Ad esso si aggiunge Gasperini: andarlo a trovare fa sempre bene, dà tanto al nostro campionato"

SU NAINGGOLAN - "Diventa facile fare calcoli, ci sono partite di livello come l'ultima giocata che poi ti mettono in condizione di dover tirare il fiato nella partita successiva. Ma abbiamo avuto 5 giorni per recuperare, qualcosa nella formazione però cambierà".

SU GAGLIARDINI - "E' un professionista con la P maiuscola, è uno spettacolo vedere quale sia lo stimolo che si dà. Probabilmente sarà della partita perché se lo merita".
SU JOAO MARIO E DALBERT TITOLARI - "Lei mi vuol far dire la formazione e la capisco, però non è corretto dire a dei giocatori che staranno fuori il giorno prima".

SUL GESTO DI MOURINHO - "Ci è tornato lui stesso dopo la conferenza sull'episodio, il fatto che abbia detto che a mente fredda non lo avrebbe fatto ci mette tutti d'accordo. Ci sono partite dove un elemento riceve il doppio carico come emotività e tensione, fa sì che da ciò possa scaturire una piccola reazione che fa parte dello spettacolo. Quello che è scorretto è sentire persone che insultano continuamente, come ha detto Ancelotti: a quello bisogna andare addosso. Quello di Mourinho è stato solo un ruggito da leone, non ha dato la dentata. A me è successo diverse volte, spero di essere migliorato".