51
Luciano Spalletti ha parlato a Inter TV del calendario dei nerazzurri, riservando una stoccata a Giorgio Squinzi, patron del Sassuolo: "Penso che l'inizio del campionato nasconda sempre molte insidie, perché ancora non si conoscono le reali proprie forze. Poi questo nuovo calendario va vissuto come un giorno di festa, dell'apertura del divertimento, da vivere con serenità. Nessuno ha mai dimostrato che il proprio risultato finale sia condizionato dall'inizio del campionato. Ci sono ancora molte cose da mettere a posto, dobbiamo vivere l'inizio come un divertimento. Poi dobbiamo vincere la prima, anche per mettere in difficoltà il presidente del Sassuolo che ha dichiarato di non avere più spazio sulla parete dell'ufficio per appendere i quadretti delle vittorie contro l'Inter. Ne ha già fatte tante e noi dobbiamo cercare di levargli questa possibilità". 

SULLA PREPARAZIONE - "La curiosità del sorteggio era anche conoscere il momento in cui ci saremmo trovati insieme al nostro pubblico, che la scorsa stagione ci ha spinti. Capiterà alla seconda, dovremo soffrire una settimana in più ma sarà una bella festa. Le prime tre sembrano gare abbordabili, ma la scorsa stagione è accaduto che nel momento in cui sembrava che potessimo fare risultati con continuità abbiamo avuto il periodo più difficile. Dobbiamo andare ad affrontare ogni squadra cercando di prendere quei piccoli vantaggi che determinino difficoltà agli avversari, sia con le piccole che con le cosiddette grandi, perché nel momento in cui le affronti non sai come sono. Sabato? Noi stiamo lavorando abbastanza bene, sviluppiamo tutto al meglio il nostro programma. Qualche complicazione c'è stata con tutte queste amichevoli, visto che qualche calciatore deve ancora raggiungere la squadra. Ciò ha costretto alcuni giocatori a fare doppia fatica. Siamo veramente e tirar loro il collo, dobbiamo stare attenti che non accadano infortuni che pesino sull'inizio del campionato".