439
FC Internazionale Milano comunica di aver trovato un accordo con l'Atalanta per l'acquisto del calciatore Robin Everardus Gosens. L'esterno tedesco si trasferisce in nerazzurro in prestito con obbligo di riscatto al verificarsi di determinate condizioni. Ha scelto la maglia numero 18. 

Ecco le sue prime parole a Inter TV:

Che emozione è essere arrivato all’Inter e cosa rappresenta per te questa squadra? 
"È un grande orgoglio perché sono arrivato in una delle squadre più grandi in Europa, sono troppo contento di essere qui e ho tanta voglia di iniziare". 

Hai già avuto modo di parlare con Simone Inzaghi? Cosa vi siete detti e quanta voglia hai di lavorare con lui? 
"Sì, abbiamo parlato ieri sera in videochiamata, mi ha detto cosa si aspetta da me e io ho raccontato un po’ le mie idee, c’è tanta voglia di lavorare insieme e non vedo l’ora di essere in campo con lui e con la squadra". 

Qui all’Inter ritrovi Alessandro Bastoni con cui hai giocato a Bergamo, ti ha già raccontato qualcosa su cosa significa giocare per l’Inter? Ti ha aiutato nella scelta di venire qui? 
"Stiamo parlando quasi tutti i giorni, non solo adesso, già 2, 3 anni fa mi ha detto che grande club è, che è un orgoglio giocare per l’Inter, ma per me non era una scelta difficile, non ha dovuto convincermi perché lo so anche io che è una grande squadra. Mi ha raccontato la storia del club, la squadra, come si lavora qui e sono contento di aver già parlato con lui". 

L’Inter ha una forte tradizione tedesca e un legame speciale con la Germania. Quanto sei orgoglioso di seguire le orme di alcuni dei più forti giocatori del calcio tedesco? 
"Anche questo è un grande orgoglio, qui ci sono stati grandissimi campioni che hanno scritto la storia con questa società. Io spero di poter continuare a scrivere questa storia, è un’ambizione che ho, sono venuto con grandissima voglia di continuare questa tradizione dei giocatori tedeschi e non vedo l’ora". 
L’anno scorso hai segnato 11 gol in campionato, 9 l’anno prima. Il record di reti per un difensore in Serie A appartiene a Marco Materazzi che ne segnò 12, prima di lui a Giacinto Facchetti che arrivò a 10.  Potresti aggiungere un nuovo capitolo alla storia dei difensori goleador dell’Inter? 
"Spero di sì, sicuramente è una bella caratteristiche che ho dentro di me e spero di fare tantissimi gol a San Siro perché è un’emozione incredibile e spero di aiutare la squadra con tanti gol e di continuare questa storia". 

Hai un messaggio per i tifosi dell'Inter? 
"Ciao tifosi nerazzurri, sono veramente troppo orgoglioso e contento di essere qui, non vedo l’ora di vedervi tutti a San Siro e di mettere tutto quello che ho in campo per l’Inter".


Lo stesso Gosens saluta così l'Atalanta con un messaggio scritto su Instagram: "Sono passati più di quattro anni da quando sono arrivato all'Atalanta come un ragazzo sconosciuto. Mi ha dato la possibilità di giocare in Serie A e la fiducia di crescere come giocatore e soprattutto come uomo. Dal primo minuto ho sempre dato tutto per questa maglia e Bergamo sarà sempre una città particolare per me e per la mia famiglia - ho vissuto esperienze ed emozioni incredibili, ho trovato amici per la vita ed è nato anche mio figlio qui! Quindi grazie ai tifosi che mi hanno supportato da sempre, grazie ai compagni che mi hanno fatto crescere in ogni allenamento, grazie allo staff che mi ha dato la fiducia e grazie alla società che mi ha dato la opportunità di giocare in un gran campionato. Nel calcio pero ci sono delle possibilità che vengono fuori solo una volta e per quello sono molto contento di firmare per l'Inter! Spero che avete apprezzato il mio lavoro e il mio impegno. Ciao, Robin".