50
B&B. Barella e Bastoni rappresentano il presente e il futuro dell'Inter e della Nazionale. Entrambi si sono espressi in coro sul futuro di Skriniar: "Speriamo che resti, ma deve decidere lui". Il difensore slovacco è in scadenza di contratto a fine stagione, quando (in caso di mancato rinnovo) si svincolerà a parametro zero. I dirigenti nerazzurri gli offrono il raddoppio dello stipendio: da 3 a 6 milioni di euro netti all'anno contro i 9 milioni a stagione proposti dal PSG. 

Quest'anno, dopo il passaggio di consegne in porta da Handanovic a Onana, Skriniar è stato promosso ai gradi di capitano. In caso di divorzio, la fascia dovrebbe ancora cambiare padrone. In questo senso sia Barella, sia Bastoni hanno tutte le carte in regola per indossarla al braccio. Seppur con caretteri diversi: il centrocampista è più focoso, mentre il difensore è un leader silenzioso. Per questo motivo l'ex Cagliari sembra più adatto dell'ex Atalanta, a patto che maturi definitivamente, non esagerando più nel gesticolare con i compagni di squadra e nelle proteste con gli arbitri.