Calciomercato.com

Intermania: Calvarese peggio di Seedorf e Conceiçao, che 'polemica' su Gravina

Intermania: Calvarese peggio di Seedorf e Conceiçao, che 'polemica' su Gravina

  • Cristian Giudici
La Champions a San Siro, che bellezza! La serata di mercoledì lascia ai tifosi interisti diversi momenti da ricordare. A partire dalla cornice, lo spettacolo dei 75mila del Meazza e una coreografia tutta nerazzurra con tanto di citazione di William Shakespeare nello striscione in Curva Nord: "Amore è un faro fisso che sovrasta la tempesta". Poi in campo il pubblico apprezza le parate di Onana e Diogo Costa, l'energia dalla panchina di Gosens, Brozovic e Lukaku (autore del gol-partita), gli interventi in tackle scivolata di Calhanoglu e Darmian. 

RIGORI(NO) - Quest'ultimo si rende protagonista anche di un episodio da moviola al 39' del primo tempo, quando resta a terra dopo un contatto in area con Galeno. L'arbitro serbo Jovanovic lascia correre, al Var i tedeschi Dankert e Fritz non intervengono. L'azione incriminata non è subito chiarissima, ma i commenti in tempo reale di due opinionisti su Amazon Prime Video sono entrambi sbagliati. Seedorf dice che "non è rigore perché non si trattava di una chiara occasione da gol...", ma l'olandese è perdonabile perché non ha mai fatto l'arbitro. Come invece l'esperto Calvarese, che prima sentenzia ("Darmian prende la palla, l'avversario no e poi gli colpisce il piede, per me è rigore") e poi fa retromarcia nell'intervallo: "Se gli avesse preso la gamba sarebbe stato solare, invece gli tocca lo scarpino, quindi è un rigore al 60% e per l'Uefa non è da Var". Per la serie: come confondere le idee invece di chiarirle. 
 
ACCUSE A GRAVINA - Sarebbe sin troppo facile ricordare il rigore inesistente concesso alla Juve contro l'Inter due anni fa per un contrasto fra Cuadrado e Perisic, con al Var proprio Calvarese (all'ultima partita della sua carriera). Una polemica inutile come quella fatta sui social da alcuni tifosi juventini, che condannano il gesto di disapprovazione di Gravina in tribuna al gol sfiorato da Lautaro. Il presidente della Figc cosa dovrebbe fare? Tifare contro le squadre italiane nelle coppe europee? 

CONCEICAO PIANGE - Restando in tema di polemiche senza motivo, chiudiamo con le dichiarazioni dell'allenatore del Porto, Sergio Conceiçao. Il quale si lamenta per una mancata ammonizione a Lautaro: "Era diffidato e con un cartellino giallo avrebbe saltato il ritorno". Invece l'attaccante argentino ha superato l'esame Pepe e sarà regolarmente in campo martedì 14 marzo all'Estádio do Dragão. Dove invece non ci sarà Otavio, espulso per due ammonizioni sacrosante: la prima per il "casino" scoppiato dopo la rimessa laterale battuta senza restituire palla all'Inter in seguito al presunto rigore su Darmian, la seconda per un fallo su Calhanoglu. Poi eletto dall'Uefa MVP, premio dedicato ai suoi connazionali turchi devastati dal terremoto. Giusto per ricordare a tutti che ci sono altre cose molto più importanti del calcio. 
 

Altre notizie