Calciomercato.com

  • Intermania, Inzaghi ringrazia Allegri: Conte non aveva capito, Spalletti sì

    Intermania, Inzaghi ringrazia Allegri: Conte non aveva capito, Spalletti sì

    • Cristian Giudici
    "Penso che un sogno così non ritorni mai più". Nel blu dipinto di... nero l'Inter vola sempre più in alto fino a raggiungere la seconda stella. Meritatissima e acciuffata nel sesto derby di fila vinto contro il Milan di Pioli, l'ultimo allenatore nerazzurro a non centrare l'obiettivo. Infatti, dopo di lui, Spalletti riporta i nerazzurri a riveder le stelle della Champions League e Conte vince lo scudetto prima di andar via. L'ex ct dell'Italia a Euro 2016 se ne va da campione d'Italia, senza intuire tutte le potenzialità di una squadra di calciatori e di un team di dirigenti affiatati, a prescindere da una proprietà in difficoltà finanziaria. Invece l'attuale ct dell'Italia a Euro 2024 capisce subito che il tricolore conquistato a Napoli è qualcosa di irripetibile e così lascia da vincente il club del presidente De Laurentiis, ora nei guai. Entrambi sono stati importanti nella costruzione del percorso verso la seconda stella. 

    SIMONE IL BELLO - Dopo di loro all'Inter arriva Simone Inzaghi, bravissimo a cogliere l'occasione della vita in seguito al no a Marotta di Allegri, che preferisce tornare alla Juventus. Al primo anno in nerazzurro parte senza i favori del pronostico e contende lo scudetto al Milan di Pioli fino all'ultima giornata di campionato, al secondo arriva in finale di Champions League (persa contro il Manchester City di Guardiola) e al terzo domina la Serie A. Senza dimenticare le due Coppe Italia e le tre Supercoppe italiane portate in bacheca, che lo rendono l'allenatore più vincente nella storia dell'Inter con sei titoli dietro al "Mago" Helenio Herrera e a Roberto Mancini, entrambi a quota 7 trofei. Adesso il prossimo obiettivo è sorpassarsi, magari già tra un anno, possibilmente senza perdere i pezzi forti e dover ricostruire. Portando avanti un'idea di calcio mai così bella nella storia nerazzurra.  
     

    Altre Notizie