91
Scherzo del destino. Sabato Icardi ha debuttato con la maglia del Paris Saint-Germain entrando dalla panchina allo stesso minuto (64) in cui Lukaku è stato sostituito da Conte con Lautaro Martinez. Entrambi non hanno fatto gol, ma le loro squadre hanno vinto 1-0 rispettivamente contro Strasburgo e Udinese e ora sono da sole in testa alla classifica. 

Dopo aver timbrato il cartellino nelle prime due giornate di campionato, Lukaku è rimasto a secco e la sua prestazione è stata insufficiente. Però le giustificazioni non gli mancano, anzi. Il belga, reduce dagli impegni con la propria nazionale, durante il riscaldamento pre-partita ha avvertito una fitta alla schiena e ha giocato sotto infiltrazione con una fascia elastica sotto alla maglia, tolta al momento del cambio. Conte lo ha ringraziato pubblicamente per essersi sacrificato dando tutto per la squadra, nonostante il dolore. Le sue condizioni saranno verificate oggi, alla vigilia dell'esordio in Champions League contro lo Slavia Praga a San Siro

Prima europea della stagione in casa pure per il PSG, che mercoledì sera ospita il Real Madrid al Parco dei Principi. Tuchel deve fare a meno dello squalificato Neymar e non dovrebbe rischiare Cavani, quindi si profila l'esordio da titolare per Icardi. In attesa del suo primo gol in Francia, Wanda Nara continua a parlare di mercato in tv ("Il Napoli non ha ancora speso i soldi che aveva stanziato per lui, magari a gennaio ci saranno soprese...") mentre l'Inter ha archiviato i suoi "mal di pancia". Compreso quello scoppiato quando gli era stata tolta la fascia da capitano. E Icardi lasciò nei guai la squadra di Spalletti, costretta a giocare con Keita reduce da un infortunio e fuori condizione l'ultima gara in Europa. Sei mesi dopo l'eliminazione con l'Eintracht Francoforte, San Siro non pensa più a Icardi e applaude il nuovo numero 9 nerazzurro: Lukaku