958
Pronostico rispettato. L'Inter perde col Milan, che vince meritatamente ed effettua un doppio sorpasso: in classifica, ma anche nell'opinione pubblica. Tutti hanno capito che ora la squadra di Pioli è più forte di quella di Inzaghi, messo sotto per la prima volta in un derby sotto l'aspetto del gioco. 

Infatti nella scorsa stagione, anche in occasione della sconfitta nel girone di ritorno in campionato, i nerazzurri avevano dato l'impressione di essere superiori. Nonostante ciò, alla fine lo scudetto l'ha vinto il Milan. Allo stesso modo quest'anno l'Inter può fare altrettanto. Perdere due scontri diretti nelle prime cinque giornate di Serie A è un campanello d'allarme da non sottovalutare, ma la testa della classifica dista soltanto 2 punti. 

L'importante è non mollare mai e crederci sempre, come hanno fatto i rossoneri. Trascinati da Leao, Maignan, Theo Hernandez e Tonali. Questi ultimi due si sono però resi protagonisti di due episodi da dilettanti. Il terzino francese ha provocato come un bulletto di periferia Dumfries, che è caduto nella trappola reagendo e facendosi ammonire anche lui. Nel finale il centrocampista italiano ha buttato in campo un secondo pallone per cercare di interrompere l'azione che ha portato al gran tiro di Calhanoglu parato da Maignan: una scena che ormai non si vede più nemmeno nei campi di Terza categoria. 

Due macchie in un derby spettacolare: un bellissimo spot per il calcio italiano nel mondo, un altro sport rispetto alla partita (non) giocata dalla Juve a Firenze.