116
Vittoria, non solo sul campo. La notte di Wembley ha regalato agli Azzurri la quarta finale nella storia degli Europei, domenica contro Inghilterra o Danimarca, e la gloria sui social, per quello che è successo nel finale della partita. Partendo dal rigore decisivo del glaciale Jorginho, per cui un telecronista arabo ha perso completamente la testa, esultando con la celebre canzone partigiana Bella Ciao, protagonista di una popolare serie tv spagnola, la Casa di Carta. L'Italia ha fatto il colpo, senza maschere di Dalì, a viso scoperto, spegnendo i sogni di gloria di una Spagna che avrebbe meritato di più.
 
BONUCCI - That's football baby, a far festa sono i giocatori azzurri, anche se c'è chi ha rischiato di veder rovinato il post partita. Tra questi Leonardo Bonucci, autore di una grande prova, ricamata dalla trasformazione del terzo rigore. A fine gara il vice capitano dell'Italia si è preso l'abbraccio, quasi fisico della curva azzurra, che pur soffrendo è stata il dodicesimo uomo in campo, ma al momento di tornare dai compagni è stato bloccato da una steward, che lo ha scambiato per un invasore.

VERRATTI - Un invasore, in questo caso non presunto, ha rischiato di guastare il momento di gioia degli Azzurri. Se ne è accorto Verratti, che dopo averlo abbracciato, scambiandolo per un compagno di squadra, si è girato verso lui e gli ha chiesto "Chi c...o sei?". Prima dell'intervento della sicurezza che lo ha allontanato dal campo.


IMMOBILE - L'unico giocatore azzurro al centro della critica del popolo dei social è stato, ancora una volta, Ciro Immobile, di tendenza su twitter a fine primo tempo. Dopo la prova deludente contro il Belgio, l'attaccante della Lazio non ha brillato nemmeno contro la Spagna. Un solo movimento da 9, in occasione del gol di Chiesa, tanti errori, di appoggio e raccordo. L'Italia ha fatto meglio con Insigne da falso nueve, ma c'è ancora una partita, la più importante, per far ricredere tutti.

08072739-700e-4a68-a15e-aaca0b4848e5