57
Diciannove presenze, tre gol, qualche problema fisico e tante prestazioni deludenti: il 2018/19 di James Rodriguez non sta andando nel migliore dei modi. Alla sua seconda stagione in prestito al Bayern Monaco, il fantasista colombiano non sta convincendo, tanto che la dirigenza del club bavarese non ha ancora deciso se riscattarlo o meno a fine anno. 

I DUBBI DEL BAYERN - A chiarire la posizione dei campioni di Germania ci ha pensato oggi il presidente, Uli Hoeness: "Il suo futuro dipenderà da quello che deciderà il nostro allenatore". A scegliere se i tedeschi pagheranno o meno i 42 milioni di euro pattuiti nell'estate 2017 col Real Madrid sarà quindi il proprietario della panchina del Bayern. Oggi Niko Kovac, domani non si sa. Il finale di stagione tra Bundesliga e Champions League chiarirà se l'ex tecnico dell'Eintracht Francoforte riuscirà a guadagnarsi la conferma, da cui passerà anche quella di James.

TRA JUVE E REAL - In questa situazione, la Juventus resta alla finestra. I bianconeri sanno di poter contare sugli ottimi rapporti con Jorge Mendes e sull'amicizia del Bandido con Cristiano Ronaldo. Il padre del colombiano, poi, qualche settimana fa indicò nella squadra di Allegri "un'ottima soluzione" per il futuro del figlio. La Juve è dubbiosa, prima di investire 40 milioni per un trequartista bisognerà capire quale sarà il futuro di Paulo Dybala e, inoltre, in caso di nuovi acquisti in quella zona di campo il preferito sarebbe Isco, in rotta con Solari e col Real Madrid. Proprio le Merengues, in caso di mancato riscatto da parte del Bayern, ritroverebbero James, in quello che può diventare un domino internazionale di mercato, pronto a coinvolgere tre tra i club più importanti e vincenti d'Europa.