Dopo il blitz di una settimana fa, Jorge Mendes torna nuovamente a Torino. Il potentissimo procuratore portoghese è volato in queste ore in Italia, ieri sera era presente allo Stadium per seguire la sfida tra la Juventus e l'Udinese dallo Sky Box di Cristiano Ronaldo con le persone a lui vicine. Non solo, perché Mendes ha approfittato della nuova missione torinese per incontrare il ds bianconero Fabio Paratici, con cui ormai c'è un rapporto fortissimo dopo l'operazione CR7 della scorsa estate seguita a quella che ha condotto Joao Cancelo alla Juventus. Insomma, la partita per Mendes è stata quasi un dettaglio (anche perché né Ronaldo né Cancelo erano in campo...) a contorno dei discorsi di mercato. PRIORITA' JOAO FELIX - Già durante la scorsa settimana, Mendes era stato a Torino per vedere Paratici insieme al presidente del Benfica: argomento Joao Felix, stellina classe '99 del Benfica, un esterno offensivo di enorme talento tra i giovani più promettenti al mondo. Non a caso l'operazione nella logica del Benfica tocca i 120 milioni di euro della clausola rescissoria, trattabili ma non troppo. Mendes sta insistendo, ha girato l'Europa in queste settimane affrontando il discorso anche con il Manchester United e il Manchester City ma considera una corsia preferenziale per la Juventus se volesse davvero entrare nel vivo del colpo Joao Felix. Le relazioni con Paratici sono buonissime, ecco perché la Juve ha margine di trattativa ma deve dare risposte in fretta sulle proprie intenzioni, sapendo che il ds bianconero non ama partecipare ad aste. In quel ruolo ci saranno nuovi investimenti, potrebbe salutare Douglas Costa a giugno e il gioiellino portoghese piace tantissimo. Mendes è stato chiaro con Paratici, ribadendo l'apertura totale di Joao Felix ai bianconeri e affrontando anche i dettagli di un eventuale contratto. Intanto, un altro blitz a Torino per rafforzare i rapporti e preparare i prossimi affari insieme. Con Joao nei pensieri della Juve...